Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







giovedì 5 dicembre 2013

E’ morto Luciano Porcari, poeta dialettale, amante della sua città e pilastro del volontariato parmigiano.




(Testo blu in italiano)
A l’età di 84 anni si è spento Luciano Porcari. Volontario  Auser era conosciuto a Parma nell’ambiente del volontariato. Era anche un bravo poeta dialettale ha lasciato alcune poesie in dialetto scritte da lui.Ha fatto parte della famosa “Orchestra Mille litri”, un gruppo di appassionati musicisti diretti dall’armonica a bocca di Mario La Franca. Dove c’era volontariato Luciano non poteva mancare. Alla famiglia le condoglianze di Parmaindialetto. CIAO LUCIANO…




(Testo giallo dialetto parmigiano)
E’  mort Luciano Porcari amant ädla sò citè e pilastor dal volontarjät  pramzàn.
A l’etè d’ 84 ani  è mort Luciano Porcari. Volontäri  Auser l’ éra consù a Pärma in-t-l’ambiént dal volontarjät. L’era anca un bräv poeta djaletäl l’à lascè socuànt poezjj in djalètt scrìtti da lu. L’à fat pärta  ädla famoza “Orchestra Mille litri”, un grupp  d’ apasjonät  muzicìssti dirét i da l’ organén da bòcca äd Mario La Franca. Indò  gh’ éra volontarjät Luciano al n’é  mancäva mäj. Ala famìja il condoljànsi  äd Parmaindialetto. CIAO LUCIANO…
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

(Nelle foto: Luciano Porcari con il microfono in mano, 2) Luciano Porcari mentre si esibisce con "L'orchestra Mille litri" davanti all'ospedale vecchio in via D'Azeglio


1 commento:

antonio porcari ha detto...

Con la morte di mio padre, certamente se ne và un altro pezzo di quella parmigianità genuina schietta che nasceva nei vecchi borghi di Parma. Gente schietta, sincera e altruista, gente che sapeva cantare e divertirsi, senza mai perdersi di coraggio. Ciao papà, sò che dove sei arrivato, continuerai a cantare e recitare le tue poesie... Un ringraziamento ed un saluto alla redazione... Antonio Porcari