Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 15 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 15 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 17 agosto 2019

FOTO STORICHE. Dall'archivio fotografico dihttps://parmaindialetto.blogspot.com/ A sette anni dalla scomparsa di GIGI FRIGERI, attore dialettale parmigiano, amante del ciclismo, dello sci, e "Pramzàn" DOC, voglio pubblicare alcune foto di GIGI

1) Gigi sulla sua bici da corsa all'inizio degli anni 50. 2e3) Due immagini di GIGI con la sua compagnia dialettale anni 70, si riconoscono Andrea Bellanova, Ettorina Cacciani, Ferdinando Giampietro Luigi Chiapponi e la moglie Maria, Tiziano Pezzini, Giordana Pagliari, nella seconda foto, Piero Ardielli Bruno Lanfranchi. 4) GIGI in un momento di pausa fra una sciata e l'altra accompagnato dal figlio stefano, si noti la sua "Dauphine" degli anni 60.

Tgnèmmos vìsst

Sètt’ ani sénsa GIGI Frigeri. Il 17 agosto del 2012 si spegneva il popolare attore dialettale "pramzàn", amico di http://parmaindialetto.blogspot.it/


Nella foto Gigi Frigeri, Enrico Maletti, Anna Berta Ceci e Peppino Spaggiari, durante una pausa di un registrazione a TV Parma. 
Ciao GIGI t'arcordèmma sémpor con il saluto che ti piaceva.

Tgnèmmos vìsst

giovedì 15 agosto 2019

RIMANENZA DI FERRAGOSTO 2019

La rimanénsa 'd j' Anolén magnè incó par Feragòsst.
Arvèddros par Nadäl


Tgnèmmos vìsst

Buon Ferragosto in dialetto Parmigiano "Bón Feragòsst"

Bón Feragòsst a tutt. Inco a Pärma as' magna anca j' Anolén con al brod äd manz e capón, in manéra che al brod al faga j'òc, e 'na spolvräda äd formaj Pramzàn razù.


Tgnèmmos vìsst

martedì 13 agosto 2019

"I CORVI" “UN RAGAZZO DI STRADA” TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO



Mi a són còll ch'a són 
A n' fàgh mìga la vìtta ch' at' fè 
a viv ai märzon ädla citè
a n' viv mìga cme ti

Mi a són un poch äd bón
läsom in päza parché

són un ragas äd sträda
e ti at' mé tóz in gir.

Ti at' si äd n' ätor mond
at' gh'é tutt còll ch' at' vól 
a conòs còll ch'a väl
'na ragasa cme tì

Mi a són un poch äd bón
läsom in päza parché

són un ragas äd sträda
e ti at' mé tóz in gir.


Ti at' si äd n' ätor mond
at' gh'é tutt còll ch' at' vól 
a conòs còll ch'a väl
'na ragasa cme tì

Mi a són un poch äd bón
läsom in päza parché

són un ragas äd sträda
e ti at' mé tóz in gir.


són un ragas äd sträda
Si si si
E ti at' mé tóz in gir.

Tgnèmmos vìsst


martedì 6 agosto 2019

VIVA AL DJALÈTT PRAMZAN. LEGGI SULLA GAZZETTA DI PARMA. 5 luglio 2019, sulla Gazzetta di Parma nella pagina "TUTTA PARMA" nella rubrica dialettale dal titolo "I Du Brasè", è pubblicato un proverbio o un modo di dire in dialetto parmigiano con la traduzione in Italiano.

Tgnèmmos vìsst

DALLA RUBRICA "Tgnèmmos vìsst" DELLA GAZZETTA DI PARMA DEL 6 AGOSTO 2015 “Na curiozitè äd stòrja Pramzàna: al pjóc' in Bórogh dal Gèss



(TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO)
Al pjóc' in bórogh dal Gèss.
'Na curiozitè äd stòrja Pramzàna. Da pjàsa Garibäld, zà pjàsa Grànda, a gh'é via Farini, 'na vòlta sträda di Genvéz e ai nóstor gióron consùda cme sträda ädla “movida”. Sträda di Genvéz l' éra ciamäda acsì parchè in-t-al prìmm tòch a partìr da pjàsa Grànda, a gh'éra di marcànt e di negosjànt chi gnävon dala citè Lìgur e l'éra la sträda indó riväva i Lunigianéz, i Genvéz, dal pas ädla Cìza, pas dal Cirón, pas Linäri, incó pas dal Lagastrél. Da pjàsa Garibäldi, su par via Farini, la tèrsa sträda a sinìsstra l'é via Ferdinando Maestri, consùda anca cme bórogh dal Gèss indó gh'éra i Gesär chi lavorävon al gèss e in-t-al medio evo l'éra la periferìa äd Pärma. In cóll bórogh chì, la ca' in àngol con via Farini l' éra alóra 'na ca' Tòrra a diféza di citadén äd Pärma dala génta ch' la gnäva déntor in citè, e l' éra ciamäda “Porta Pidocchiosa” “Porta spjoción'na”, dill vòlti par diféndros dai malìggn, i pramzàn i butävon zò äd l'òli bojént, In via Maestri, insìmma ala prìmma porta su la déstra, ancòrra incó gh'é scavè l'imàgina d' un pjóc'. I vjandànt chi rivävon da fóra Pärma, prìmma äd gnìr déntor in citè i gh'ävon l' obligh äd laväros, cavèros i pjóc', perciò spjociäros, e al pòst par spjociäros l'éra pròprja “Porta Pidocchiosa” “Porta spjoción'na” in-t-al pòst indó ancòrra incó gh'é incastrè la figùra dal pjóc'. 
Tgnèmmos vìsst
(TESTO IN ITALIANO)
Il pidocchio in borgo del Gesso.
Una curiosità di storia Parmigiana. Da piazza Garibaldi, già piazza Grande, c'è via Farini, conosciuta anche come strada dei Genovesi e ai nostri giorni come strada della “movida”. Strada dei Genovesi era così chiamata perchè nel primo pezzo partendo da piazza Grande, avevano sede dei commercianti e dei negozianti che provenivano dal capoluogo Ligure ed era la strada da dove arrivavano i Lunigianesi, i Genovesi, dal passo della Cisa, passo del Cirone, passo Linari, oggi passo del Lagastrello. Da piazza Garibaldi, percorrendo vi Farini, la terza strada a sinistra è via Ferdinando Maestri, conosciuta anche come Borgo del Gesso dove avevano sede i Gessai, e nel medio evo era la periferia di Parma. Se imbocchiamo questo borgo, la casa a destra in angolo con via Farini era allora una casa Torre a difesa dei cittadini di Parma dalle persone che entravano in città, ed era chiamata Porta Pidocchiosa, a volte per difendersi dai maligni i parmigiani gettavano dell'olio bollente,. In via Maestri, sopra alla prima porta sulla destra, ancora oggi è scavata l'immagine di un pidocchio. I viandanti che arrivavano da fuori Parma, prima di entrare in città dovevano obbligatoriamente lavarsi, pulirsi, perciò spidocchiarsi, togliersi i pidocchi e il posto per questa operazione era a Porta Pidicchiosa in borgo del Gesso nel luogo dove oggi è incastrata l'effige del pidocchio


Tgnèmmos vìsst

domenica 4 agosto 2019

L'ÄCÄDEMIA DEL RÙMÄL, augura una splendida Domenica ed una settimana tranquilla a tutti. OGGI SARETE VOI A DARE LE RISPOSTE E SPERO POSSIATE PURE DIVERTIRVI.




1° molari (denti)
Dént maslär
2° alluce
Did gròs dal pè
3° tarlo
Taról, (per assillo)
4°soprannome
Stranòmm o scotmàj
5° cappelletti
Caplètt
6° piatto cucinato in padella con verdure e cavallo macinato
Vécia
7° grandinata
Timpestäda
8° cieco (non vedente)
Òrob
9° riso in brodo di carne, con uova e formaggio
Riz e tridùra
10° lardo tritato con verdure
Lärd pìsst
11° soffitto
Plafón o tasél plafonè
12° stipite di finestre e porte
Sambràn
13° serratura
Scartaciäva, anche Saradùra
14° ciccioli pressati
Grasól
15° spianatoia per fare la pasta
Tavlòt (per spianare la pasta)
16° teglia
Tèccia
17° grondaia
Navètta
18° timo (erba aromatica)
Tìmo o Timo selvatico = serpìlli salvàtogh
(Una volta la Timo si diceva “Telefoni Italiani Mal Organizzati”
19° santoreggia (erba aromatica)
Savorèzzon
20° farfalla
Parpaja
21° bruco
Bégh
22° tutulo della pannocchia di mais

Zgandòll

Tgnèmmos vìsst

mercoledì 31 luglio 2019

RAFFAELE PISU AVEVA INIZIATO I PRIMI PASSI COME ATTORE NELLA COMPAGNIA DEL "SORBOLESE" MEMO BENASSI NEL 1947/49 PRIMA DI ENTRARE NELLA COMPAGNIA DEL TEATRO COMICO DELLA RAI.

Addio all'attore, comico e conduttore radiofonico e televisivo, Raffaele Pisu. Nato a Bologna il 24 maggio del 1925, Pisu si è spento nella notte nell'hospice di Castel San Pietro in provincia nel bolognese. Popolare nell'Italia del dopoguerra, Pisu ha partecipato a trasmissioni di grande successo degli anni Sessanta
Tgnèmmos vìsst

AUGURI A “ parmaindialetto.blogspot.com “ blog in Italiano e dialetto parmigiano che OGGI COMPIE 15 ANNI...

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004, per volontà di
CRISTINA CABASSA e ENRICO, MARCO e PIETRO MALETTI.
“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 15 an’.Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com
L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”
Tgnèmmos vìsst