Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 14 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 14 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 21 aprile 2018

In giro per Parma alla ricerca dei vecchi rifugi dell'ultima guerra mondiale dove i parmigiani si rifugiavano quando suonava l'allarme e su Parma bombardava l'aeroplano di "PIPPO"

Enrico Maletti legge la filostraocca di “Pippo al Ferovjér” in dialetto parmigiano. Il video è stato girato da Andrea Di Betta, referente Associazione Nazionale Combattenti Forze Armate Regolari Guerra di Liberazione(ANCFARGL) per la Provincia di Parma


J al ciamon Pippo al Ferovjér
mo lu invéci l'é n'avjér,
l'é 'n' avjér 'ädj American
còll ch'al guida l' aeroplàn.

Tutt' il siri in-t-al déz or,
ti sat täz at' sént l'armór
e con la solita fifén'na,
t'et' tóz su e' t'vè in cantén'na.

Ma s'at si lóngh ala sträda,
at' sént pròprja 'na sonäda
ghé chi zbràja, chi bjastùmma,
gh'é chi diz “zmorsì cla lùmma”.

Luce! Luce! Porco mond
vót chi zbrägon tutt al mond,
a si pròprja 'n' imprudént
Dio 'v manda n'acidént.

Vu zmorsì cla sigarètta,
Dio av manda 'na sajètta,
e täz zò ti bocalón'na,
vót ch' it sénton in-t-la lón'na.

Gh'é chi zmorsa gh'é chi pja,
gh'é chi diz “l'é andè via”.
No, t'al sént in lontanànsa,
ch'al va su par la Bagànsa.

Lì par lì as' vèdda un ciär,
l'é un Bengala a Pónt da Tär,
po as' sénta un grand armór
forsi anca un po' d'odor,

forsi anca un po',
tutt i dmàndon có é stè,
cuälchidón l'arà scorzè.
Mo a 'n gh'é mìga da badär,

l'é un tremlón ch'al s' pól ciapär
sé lu al cménsa a dir dabón,
a 'n gh'é pèrsogh, figh o mlón.
E ti intant a t'é stè su,

cuand al ciär al n'é gh'é pù.
E pù tärdi as' sénta dir,
mi vagh su vagh a dormir.
Mo si andèmma a vén a n' mi

che tant Pippo l'à béle fnì.
Al di dòp a gh'é i comént
gh'n'é 'na frèssca ogni momént,
vu al siv indó l'é stè?

Si dedlà da Fontanlè.
Gh' é chi diz ch' l'é n' Ingléz,
al pól ésor un Francéz,
mo sé po' l'é un Todèssch,

parlì pjan senò st' frèssch.
L'é pròprja un grand bastärd,
lu p'r ésor acsì testärd,
al la bata in-t-al pramzàn

cme s'i' gh' pìccion sémp'r il man.
Tùtti ciac'ri tutt comént,
tùtta roba da mäl äd dént,
fòrsi l'é méj lasär lì
e che tutt sia béle fnì

DA GAZZETTA DI PARMA DEL 15 MAGGIO 2017

PIRANDELLO "In Djalètt Pramzàn"

Ieri sera al teatro Sant Evasio a Parma
LA COMPAGNIA TEATRALE PARMIGIANA
"La Duchèssa"
ha presentato in prima assoluta
"PENSACI GIACOMINO "
di Luigi Pirandello, commedia in 3 atti in dialetto parmigiano per la regia di Giovanni Catalano. Dimostrazione che "Al Djalètt Pramzàn" non serve solo a fare ridere.
STUPENDA RAPPRESENTAZIONE


Tgnèmmos vìsst

giovedì 19 aprile 2018

22 aprile Family-Bike al Parco delle Chiesuole. L'associazione FIAB-PARMA Bicinsieme vi invita a partecipare




Ritrovo e registrazione ore 9.30 via Bizzozero 15, partenza ore 9.45.
Dal Parco Bizzozero si percorre via Solferino, Strada Martiri della Libertà, Ponte Italia, Via Caprera, Via Volturno, Via Abbeveratoia, Via Colli, Via Valera per arrivare a Vigolante, Madregolo e al Parco dove una guida ci illustrerà il luogo. E’ previsto un ristoro offerto da COOP Alleanza 3.0. Il ritorno avviene sullo stesso percorso. Km 26 A/R.
 
Il Parco delle Chiesuole è stato recentemente riaperto al pubblico ed è gestito dall’Ente Parco del Ducato. L’oasi naturalistica delle Chiesuole rappresenta una risorsa unica per il territorio. Costituisce un piccolo paradiso «dove è bello spostarsi lentamente e godersi il panorama, la flora e la fauna. Profumi, suoni, colori sono i protagonisti.  Le Chiesuole sono una ex cava di ghiaia dimessa dal 1998 dove si è sviluppato un habitat unico nel suo genere: un grande lago ha riempito le voragini che un tempo contraddistinguevano l’area prospiciente il greto del fiume Taro, inclusa all’interno del Parco del Taro, oggi parte del'Ente di Gestione per i Parchi e la biodiversità dell’Emilia Occidentale. Dove un tempo le ruspe la facevano da padrone oggi si può osservare un ampio specchio d’acqua circondato da un vegetazione folta e rigogliosa e, in mezzo al grande lago, tante zattere posizionate dal Parco per favorire la presenza e la nidificazione degli uccelli migratori e non. Portate il binocolo.  
L’ingresso è a pagamento:  bambini di età inferiore ai 12 anni e adulti oltre i 65 non pagano, gli adulti pagano 1 euro.
 
Capogita Andrea 3398123784. 
 
Registrazione:  1 euro soci FIAB (ass.ne infortuni)  2 euro non soci (ass.ne infortuni e RC) bici in ordine, camera d'aria di scorta, casco obbligatorio per i bambini, vivamente consigliato per gli adulti (i genitori diano il buon esempio).
 
LA FIAB NON E' UN'AGENZIA DI VIAGGI , quindi tutti i partecipanti sono chiamati a contribuire alla buona riuscita della gita rispettando le regole del Codice della strada e le indicazioni del capogita. Chi abbandona il gruppo deve avvisare il capogita, le coperture assicurative non saranno più valide.

Tgnèmmos vìsst
 
 

mercoledì 18 aprile 2018

Venerdi 20 aprile ore 21 al TEATRO DELLA PARROCCHIA DI SANT EVASIO via Monsignor Evasio Colli 12 LA COMPAGNIA TEATRALE PARMIGIANA "La Duchèssa" presenta la prima assoluta di "PENSACI GIACOMINO "



Venerdi 20 aprile ore 21 al TEATRO DELLA PARROCCHIA DI SANT EVASIO 
via Monsignor Evasio Colli 12
LA COMPAGNIA TEATRALE PARMIGIANA 
"La Duchèssa"
presenta la prima assoluta di 
"PENSACI GIACOMINO "
di Luigi Pirandello
Traduzione in dialetto parmigiano di Luigi Sturma
Regia di Luigi Catalano
(Locandina in allegato)
Tgnèmmos vìsst

lunedì 16 aprile 2018

Mercoledì 18 aprile, ore 17,30, si svolgerà l'ultimo appuntamento della rassegna "Ascolta... Amerai..."

Che propone l'ascolto di brani musicali introdotti da relatori. Tema dell'incontro:
"La Bohème di Giacomo Puccini - L'amore che si rivela".
In chiesa di S. Rocco (via Università 8). Ingresso libero.


Tgnèmmos vìsst