Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 14 ottobre 2012

La vera storia del “Bagolón dal lùsstor”


(CLICCA SU L'ARTICOLO PER INGRANDIRLO)



(Sotto all'articolo il testo in italiano)
TV. Parma ha cominciato  a trasmettere la serie di commedie dialettali della compagnia dialettale della “Famija Pramzàna” registrate negli anni scorsi. Ogni sabato, a partire da sabato 13 ottobre, per ben 17 settimana la maggiore emittente cittadina trasmetterà una commedia in dialetto parmigiano. Questo nel ricordo di Luigi Frigeri, scomparso il 17 agosto di quest’anno, che per tanti anni è stato l’anima della compagnia con sede a porta San Francesco. La prima commedia  trasmessa è stata “ Bagolón dal lùsstor”. Questa registrazione è stata una delle prime che TV Parma ha  fatto negli anni scorsi. Nell’articolo apparso sulla Gazzetta di Parma si è detto che la registrazione era stata effettuata negli anni 90, ma da una ricerca che “Parmaindialetto” ha fatto,  è risultato che sicuramente la commedia è stata registrata molto prima, perché l’attore Ferdinando Giampietri che interpretava la parte del padre della ragazza da sposare, è morto il 12 novembre del 1985, perciò il video e antecedente al 1985. “Parmaindialetto” coglie l’occasione di pubblicare in dialetto parmigiano la vera storia del “ Bagolón dal lùsstor”, pubblicata il 12 febbraio 2012 dalla Gazzetta di Parma  nella rubrica “Tgnèmmos vìsst” curata da Enrico Maletti.
(Tgnèmmos vìsst)
E.M.
(Testo blu in Italiano)
Bagolón dal lùsstor
Rispolveriamo una frase dialettale ormai in disuso, che sicuramente ai giovani può richiamare un interessamento culturale del parlare Parmigiano di una volta, “Bagolón dal lusstor” “Bugiardo del lucido”. Ancora ai nostri giorni chi ha i capelli grigi per dare una definizione dialettale a una persona poco sincera dice: “li lu l’é un Bagolón dal lusstor”. Questa frase deriva dal lontano 1882, quando due personaggi abitanti a Parma, Arturo Frizzi originario di Mantova e allievo ciarlatano del Parmigiano Enrico Morini e l’ebreo Amadio Bulgarelli , che per il suo modo di camminare claudicante era chiamato “sop magnacristjàn”, i due inventarono la formula per produrre patina per scarpe “lusstor p’r il scärpi”,a base di segatura di legno, nerofumo e acqua, con solo una piccola parte di vero lucido da scarpe. Il tutto mescolato e scaldato, una volta raffreddato, era stato inserito in una quantità enorme di scatole vuote di grasso per ungere gli zoccoli dei cavalli. Al di fuori delle scatole appariva la scritta “Real Lucido Nubian”. Il nome dell’inventore era l’americano Amadiò Bulgarel. Il prodotto ben inscatolato era stato messo in esposizione per la vendita sul carro di un terzo collega, ed era stato venduto in giro per le piazze e i mercati di tutto il territorio padano. Ma alcuni mesi dopo i tre “Bagolón dal lusstor” di passaggio in uno dei paesi dove avevano piazzato il prodotto vennero riconosciuti da un gruppo di abitanti che avevano acquistato da loro il“Real Lucido Nubian” e vennero malmenati “un sach äd bòti”, il loro carro fu distrutto. Da quel momento nacque la definizione “Bagolón dal lùsstor” . I tre si divisero e ognuno di loro proseguì la sua vita sicuramente da esperti“Bagolón”. Quanti “Bagolón dal lusstor” ci sono in giro al giorno d’oggi.

(Testo giallo dialetto parmigiano)
Bagolón dal lùsstor
‘Na fräza in djalètt ormäi fóra ‘d moda, che sicuramént ai giòvvon  la pól riciamär un interesamént culturäl dal parlär al Pramzàn äd ‘na volta, l’é “Bagolón dal lùsstor” “Bugiardo del lucido”. Ancòrra incó, chi gh’à i cavì griz par där ‘na definisjón djaletäla a ‘na parsón’na poch sincéra, al diz: “li lu l’é un Bagolón dal lùsstor”. Cla fräza chì  l’é dal lontan 1882, cuand du parsonag’ abitant a Pärma, Arturo Frizzi originäri äd Mantva e aljév sarlatàn dal Pramzàn Enrico Morini  e l’ebréo Amadio Bulgarelli , che par la sò manéra äd caminär sopgnànd l’éra ciamè “sop magnacristjàn”, i du j ävon  inventè la fórmula par produr patina par scärpi “lusstor p’r il scärpi”, fat con ädla bùlla äd lèggn, nigor-fumm e acua, con sol ‘na mìnnima pärta äd vér lùsstor da scärpi. Al tutt mezdè e scaldè, ‘na volta rafredè, l’éra stè mìs déntor  in-t ‘na quantitè enòrma äd scatlètti vódi äd gras par bzontär i sòcol di cavajj. Fóra dal scatlètti gh’éra la scrìtta “Real Lucido Nubian”. Al nom äd l’inventor l’ éra l’american Amadiò Bulgarèl. Al prodòtt bén inscatlè l’éra stè mìs in espozisjón par la vendita sul car d’un tèrs coléga, e l’éra stè vendù in gir p’r il pjàsi e i marchè äd tutt al teritori padàn. Mo socuànt méz dòpa i trì “Bagolón dal lùsstor” äd pasàg’ in vón di paéz indò j ävon  pjasè al prodòt,  j éron stè  consù da un grup d’ abitant ch’ j ävon comprè da lor al “Real Lucido Nubian” e j én stè tratè da can, “un sach äd bòti”, scrozè, al lor carètt l’é stè distrutt. Da còll momént è nasù la definisjón “Bagolón dal lùsstor” . I trì i s’én divìz e ognón äd lor l’à continuè la sò vìtta sicuramént da espert “Bagolón”. Quant “Bagolón dal lùsstor” a gh’è in gir incó.


Nessun commento: