Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 13 gennaio 2013

UN BALLO IN MASCHERA. "Lassù in loggione" rubrica di Lorenzo Sartorio pubblicata sulla Gazzetta di Parma del 13 gennaio 2013.Una serata in loggione al teatro Regio




(Testo blu in italiano)
(Testo giallo dialetto parmigiano)

Un'opera,  , amata  dai melomani e in modo particolare dai verdiani.  Un'opera   che  ha sempre destato   interesse e suscitato   emozioni  ovviamente   per la musica  ma anche per la trama. Ed anche ieri  sera, in Loggione, aleggiava  un'atmosfera  (in verità un po' tesa)  delle grandi occasioni  che preludono  alle   grandi opere. Ottimi i giudizi sul tenore Meli, ma   il baritono  Grassi, ingaggiato al posto del collega Caria, non è piaciuto al Loggione <  se il risérvi j én acsì  s'al fuss in-t-na scuädra äd  balón i n' e' gh' fan fär njànch al racatabali>. 

L'antro della maga Ulrica  ospitava donne  lascive in atteggiamento inequivocabile < pu che 'na grota äd 'na maga la paräva la taverna d'Arcore dal Cavaliér>. Una battuta sulla bella  e  trasgressiva Amelia era d'obbligo <  Amelia  la va a sercär   in  simitéri  n’ erba ch’ l’à faga  scordär, mo sénsa andär tant lontan  dal Regio s’ l’ à va in Pilota  a ch’ l'óra chì  l'à ni’ n cata  äd manigòld  chi véndon cla roba lì>. Siamo  nella scena    del  ballo  dove Renato cerca di scoprire dietro quale costume  si cela il conte  per  ucciderlo con una pugnalata  riscattando  così l'onore per il tradimento della moglie  con Riccardo. Commento secco di uno storico  loggionista dalla battuta sempre pronta < fòrsi  l'arìss fat méj,  invéci äd copärol   con ‘na pugnaläda   s' al gh’ avìss dè  ‘na cornäda. Al  fadigäva  meno>.

Un discreto cast, comunque,  anche  se  in loggione  si respira un'aria pesante  dovuta ad un' assegnazione dei biglietti  per l'anteprima  che  .  Non convince   l'orchestra,  secondo alcuni  loggionisti e non ancora collaudata, anzi  immatura < la liga  cme  un pér  ägor>. E il coro ? Non male  che  se  qualcuno  fa notare che i più bravi se ne sono andati < second mi con ilj ari ch’ a tira  al  fa la  fén  dal Titanic>.  Spassosa e tipicamente parmigiana una battuta su Oscar,   l'effeminato  paggio del duca interpretato dal bravo soprano Serena Gamberoni äd fär ménta ala  maga, al Ducca,  cuand  le da lù col so pag’,   al fariss méj a  stär  adrè al mur>.  Comunque,  la faccenda dei biglietti ad alcuni loggionisti  storici non è andata  giù  e,  al di là del giudizio  sull'opera non entusiasmante < sät ch’ ò t' ò da dir ?  

Sìnndich,  zonta,  toch  gròs  dal Regio,  chi gh’ vàgon lor a fär un bal in mascra mo  mìga chi in teator    mo al carnvääd Videgmér,  ormäj  a gh’ manca poch.  Bón’na  nota>. 
La gente comincia a defluire  dal tempio ducale del melodramma compresi i loggionisti storici le cui  figure svaniscono  < in-t-la  fumära > della fredda nottata  invernale.

Nessun commento: