Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 26 ottobre 2013

Si è svolta alla sala Civica “Amoretti” di Felino organizzata da l’Associazione “FARE LEGNA”. Tradizioni e testi in dialetto parmigiano con Lorenzo Sartorio e Enrico Maletti.


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)




(Testo blu in italiano)
Un buon gruppo di Felinesi ha assistito alla serata “Dal gozén a ‘n s’ bùtta via njént” organizzata dall’Associazione Culturale Fare Legna di Felino, nella sala Civica “Amoretti” messa a disposizione dal Comune. Relatori il giornalista Lorenzo Sartorio e l’esperto e fine dicitore di dialetto Enrico Maletti.  Sartorio ha spigato le fasi della maialatura, da l’arrivo in bicicletta dei “Masén” all’alba di una giornata nebbiosa e umida, a l’uccisione del maiale con il metodo di “corär” al gozén, alla divisione dei pezzi del maiale eseguita dalle massaie.

Nel rito dell’uccisione del maiale, la provincia di Parma è l’unica che chiama con due nomi il maiale, cioè, da vivo è al Gozén, da morto diventa al Nimäl.  Enrico Maletti ha intervallato la serata  leggendo alcune poesie in dialetto dedicate ai salumi, tra le quali due poesie scritte da Luciano Gatta componente dell’Associazione Culturale che ha organizzato la serata. Erano presenti in sala, gli Assessori del Comune di Felino, alla Cultura Fabrizio Leccabue, e all’Ambiente Elisa Leoni, e le instancabili organizzatrici, Barbara, presidente di Fare Legna, Bruna, Tatiana, Roberta e Marina.



(Testo giallo dialetto parmigiano)
S’é zvolt ala säla Civica “Amoretti” äd Flén organizäda da l’Asociasjón “FARE LEGNA”. Tradisjón e poezjj in djalètt  pramzàn con Lorenzo Sartorio e Enrico Maletti.

 Un bón grupp äd Felinéz l’à asistì ala seräda “Dal gozén a ‘n s’ bùtta via njént” organizäda da l’Asociasjón Culturäla  Fare Legna äd Flén, in-t-la säla Civica “Amoretti” mìssa a dispozisjón dal Cmón. Relatór  al giornalìssta Lorenzo Sartorio e l’espèrt e fén dicitor äd djalètt Enrico Maletti.  Sartorio l’à spighè il fäzi ädla maialatura, da l’arìv in biciclètta di “Masén” alj älbi äd ‘na giornäda nebioza e ùmmda, a la masäda dal gozén con la manéra äd “corär” al gozén, ala divizjón di tòch dal gozén fata dal rezdóri.
 
In-t-al  rito ädla masäda dal gozén, la provincia äd Pärma l’é l’unica ch’ la  ciàma con du nom al gozén, cioè, da viv l’é al Gozén, da mort al dvénta al Nimäl.  Enrico Maletti l’à intervalè  la seräda  con  socuànt pozjj in djalètt dedicädi ai salum, tra il cuäli do poezjj scrìtti da Luciano Gatta componént äd l’Asociasjón Culturäla ch’ l’ à organizè la seräda. Gh’éra prezént in säla, j Asesór dal Cmón äd Flén, ala Cultura Fabrizio Leccabue, e a l’Ambiént Elisa Leoni, e ilj instancàbili organizatrici, Barbara, presidént ädi Fare Legna, Bruna, Tatiana, Roberta e Marina.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

Nessun commento: