Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 17 dicembre 2012

Continua anche quest’anno il progetto dialetto nelle scuole con il libro “Impariamo il dialetto parmigiano” distribuito lo scorso anno con la "Gazzetta di Parma". Docenti: Maletti, Michelotti, Campanini e Trapelli, (Lo Dsèvod).



(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
(Testo blu in italiano)
Lo scorso anno scolastico l’iniziativa “il dialetto nelle scuole” ha coinvolto con interesse oltre mille ragazzi delle scuole elementari e medie. Quest’anno le lezioni sono cominciate già dalla fine di ottobre e si concluderanno alla fine di maggio del 2013 con alcuni saggi nelle classi che hanno aderito al progetto  dell’insegnamento della nostra lingua parmigiana. Gli insegnanti,  già collaudati, sono Alberto Michelotti, Enrico Maletti, Maurizio Trapelli, (Lo Dsèvod) e Vittorio Campanini, quest’ultimo autore del libro per le scuole “Impariamo il dialetto parmigiano”, distribuito l’anno scorso con la Gazzetta di Parma . I quattro moschettieri della parmigianità, si sono già messi all’opera in alcune scuole che erano  state visitate l’anno precedente. Molto importante è anche l’operato di Giuseppe Mezzadri che durante le lezioni in alcune scuole medie  si occupa della storia del dialetto.
Il programma viene svolto come lo scorso anno, vale a dire con il coinvolgimento dei ragazzi e del personale docente nella lettura e nella pronuncia di parole e poesie inserite nel libro di Vittorio Campanini,  lette nella prima parte della lezione da Maletti e Michelotti.  Il metodo di insegnamento sta  piacendo ai ragazzi e alle insegnanti perché nell’imparare il dialetto si sentono protagonisti  di una che,  più che lezione, si può chiamare intrattenimento. Quest’anno le  classi delle varie scuole saranno una trentina, con lo scopo di coinvolgere lo stesso numero di ragazzi dello scorso anno. Il libro di Vittorio Campanini “Impariamo il dialetto Parmigiano”, è un libro di poesie in dialetto  tradotte in italiano, con un insieme di regole grammaticali, di appunti storici e di cultura locale prodotto da alcuni amanti della storia e del  nostro vernacolo.  E’ un libro che vuole affidare ai Docenti e ai ragazzi delle scuole i messaggi di una cultura locale che vuole sopravvivere, anche per il futuro, nell’età della globalizzazione e vuole essere uno strumento di dialogo e di amicizia con nuove culture e nuove civiltà, e trasmettere anche ai nuovi parmigiani quelle tradizioni che non possono morire.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Continva anca st’an’ al progét  djalètt  in-t-il  scóli con al lìbbor “Impariamo il dialetto parmigiano”.
Al scórs an’ scolastich  l’inisjatìva “Al djalètt  in-t-il scóli” l’à  coinvòlt con intarés pu äd mìlla ragas dìll scóli elementäri e medjj.  St’an’  il  lesjón j én cominciädi  zà dala fén  d’ otòbbor  e i fniràn ala fén  äd magg’ dal 2013 con socuànt  sagg’ in-t-il  clasi ch’ j àn aderì  al progét  äd l’insegnamént ädla nostra léngua pramzàna.  I Méstor,  béle  colavdè, j én Bèrto Miclòtt, Richén  Malètt, Mavrisjo Trapéli, (Al Dsèvod) e Vitori Campanén, cl’ ùltom chì l’é l’ avtor dal lìbbor  p’r il scól “Impariamo il dialetto parmigiano”, distribuì  l’an’ pasè  con la Gazètta  äd Pärma . I cuàtor  moschetér ädla parmigianitè,  i s’én béle  mìss a lavorär in socuànt scóli ch’ j  éron zà  städi  vizitädi  l’an’ prìmma. Molt important l’é anca al lavór äd Giuzép Mezädri che durant  il lesjón  in socuànt  scóli  médjj  al pärla  ädla stòrja dal djalètt.
Al programa al vén  zvolt cme l’ an’ pasè,  väl a dir con al coinvolgimént  di ragas e dal parsonäl docént  in-t-la  letura e la pronónsja  dìll paroli e poezjj inserìde in-t-al  lìbbor  äd  Vitori  Campanén,  léti in-t-la  prìmma pärta  dìll lesjón da Malètt e Miclòtt.  La manéra d’ insegnamént l’é  adrè  pjäzér ai ragas e al Méstri  parché  in-t-l’imparär  al djalètt  i s’ sénton  protagonìssta  äd  ‘na,  pu che lesjón, la s’pól  ciamär intratenimént. St ‘ an’ il clasi dìll  scól i sràn ‘na trentén’na, con al  propòzit  äd  tirär in méza al stés nùmmor  äd ragas äd l’ an’ pasè. Al lìbbor äd Vitori Campanén  “Impariamo il dialetto Parmigiano”, l’é un lìbbor äd poezjj  in djalètt  tradòtti in italjàn, con un insèmma  äd regoli  gramaticäl, d’ apónt  stòrich e cultura locäla prodott  da socuànt amant  ädla stòrja e dal  nostor  djalètt.  L’é un lìbbor  ch’ al  vól afidär  ai Docént e ai ragas dìll scuóli  i mesàgg’  äd ‘na cultura locäla  ch’ l’ à vól  sopravìvor,  ancha p’r  al futur, in-t-l’etè  ädla globalizasjón  e al vól  ésor  uno strumént  äd djalogh  e d’ amicìssja con dìll nóvi  culturi e nóvi  civiltè, e trasmèttor  anca ai nóv pramzàn  ch’il tradisjón ch’ i n’ pólon mìga  morìr.
(Tgnèmmos vìsst)
E.M.
(Nelle 4 foto: 1/2/3/4) Maletti, Michelotti, Campanini e Trapelli (Dsèvod) durante le lezioni nelle scuole.)
 

Nessun commento: