Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 14 settembre 2008

Pietro Barilla nel 15° aniversario della morte


(Testo blu in Italiano)
l 16 Settembre 1993 moriva a Parma all'età di 80 anni
Pietro Barilla, una personalità illustre, affettuosamente ricordato da tutti i Parmigiani per le sue grandi doti umane, di imprenditore, di uomo di cultura e di generoso promotore dell'arte e della socialità, oltre che protagonista fondamentale dello sviluppo della nostra Città. Nella ricorrenza del 15° anniversario della Sua morte, Parmaindialetto gli dedica una poesia in dialetto Parmigiano scritta dal poeta dialettale Umberto Tamburini, che per tanti anni è stato il Presidente del “club dei 27”. Questa poesia è stata scritta da Tamburini, in occasione di una visita dell'imprenditore Pietro Barilla, alla sede del club Verdiano più famoso del mondo pochi mesi prima di morire.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al 16 Setémbor 1993 a morìva a Pärma a l' etè d' 80 àni Pietro Barilla, 'na parsonalitè illùstra, afetvosamént arcordè da tutt i Pramzàn p'r il sò grandi dòti umàni, d' imprenditór, d' òmm äd cultùra e generóz promotór äd l'ärta ädla socialitè, e protagonìssta fondamentäl dal zvilùpp ädla nòsstra Citè. In-t-la ricorénsa dal 15° anivarsäri ädla sò mòrta, “Parmaindialetto” a gh' dèdica 'na poezìa in djalétt Pramzàn scrìtta dal poéta djaletäl Umberto Tamburini, che par tànt àni l'é stè al Presidént dal “club di 27”. Ch' la poezìa chì l'è städa scrìtta da Tamburini, in ocazjón äd 'na vizita äd l'imprenditór Pietro Barilla, ala séda dal club Verdjàn pù famóz dal mónd, socuànt méz prìmma äd morìr.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Al Cavaliér

L'éra 'na sira veramént speciäla,
con tutt i vintisèt vestì a fésta:
'na sira che a sarcärla täla e cuäla
l'é difìccil cme catär al co' 'd 'na césta.

Al “covo” tirè a lùsstor. Al Gran Méstor
dént'r ala nìccia con la luza in fronta,
con l'atmosfera che soltant li déntor
la 't ciapa al cor, e l'alma l'é za pronta

a volär su ilj äli d'òri dal pensér,
lontan da tùtti: in cél, sul mär, sui mont,
Al coro dal “Nabuch” ch' al 't fa pu alzér,
al 't fa sparir i mäl,i crussi e i cónt.
Dopa dònni äd riguärd, òmmi important,
méstor, studént, scritór e giornalìssta,
compärsi, diretór e grand cantant,
al sjòr Barilla al s' é zontè ala lìssta.

E l'é, fra i tant ricòrd, forsi al pu bél.
L'èmma sentì di nòstor, e ala man,
s'cètt cme 'l lambrùssch e ciär cme un rag' dal cél,
l'à fat capir che an' lu l'éra un Verdjàn.
Còsst a vól dir ésor un òmm modést,
òmm äd rigor col cor grand cme 'na ca,
prónt a promèttor e mantgnìr pu prést,
e sensa sarcär äd rimandär a dman;

amär la libartè e la giustìssja,
vrér sémpor al triónf äd la vritè,
schivär chi preferìssa la pigrìssia
e avér p'r amìgh la päza e l'onestè.
Al Cavaliér l'éra dabón acsì
e Pärma l'à gh'à sémpor volsù bén,
parchè, sinceramént, a dirla chì
äd j'òmmi cme lu 's in cata pòch bombén.

A ringrasjèmma al Sgnór p'r avérsol dè,
p'r avérsol fat conòssor cme amigh,
p'r avér portè con lu su la citè
un rag' äd sól: un sól äd stamp antigh.
Pensànd a lu tutt còl ch' al s'à ditt
gòmmod a gòmmod chi sòtta la vòlta
'n arìss mäj pu cardù che gh' arìs scrìtt
cój lùssi a j' òc, tarmand, par l'ultma volta
.

Dal libro “àcua ciära” di Umberto Tamburini.
La foto che raffigura Pietro Barilla è riferente al quadro dell' artista e pittore Proferio Grossi donato da lui stesso alla "Famìja Pramzàna". Il quadro è di proprietà della "Famìja Pramzàna" ed è esposto nella sala Barilla della stessa sede di viale Vittoria n° 4 a Parma, (porta San Francesco). Enrico Maletti, Presidente di Parmaindialetto, ringrazia il Presidente dell'Associazione "Famìja Pramzàna" Signora Anna Maria Dall'Argine per avere permesso la pubblicazione della foto su questo blog.

Nessun commento: