Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 1 settembre 2008



3 settembre 1982
3 settembre 2008

(Testo blu in Italiano)
In occasione del 26° anniversario della morte del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, Parmaindialetto pubblica in Italiano e dialetto Parmigiano “ La Preghiera del Carabiniere” “Virgo Fidelis”
E la poesia “Al Carabinér” del poeta dialettale Parmigiano Vittorio
Campanini.


3 setémbor 1982
3 setémbor 2008

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
In ocazjón dal 26° anivarsäri ‘dla morta dal Generäl Carlo Alberto Dalla Chiesa,
Parmaindialetto pùblica in Italjàn e djalètt pramzàn “ La Preghjéra dal Carabinér” “Virgo Fidelis”
E la poezìa “Al Carabinér” dal poéta djaletäl Pramzàn Vittorio Campanini
.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)


PREGHIERA DEL CARABINIERE

Dolcissima e Gloriosissima Madre di Dio e nostra,
noi Carabinieri d’Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero,
fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!
Tu, che le nostre Legioni invocano confortatrice
e protettrice col titolo di “Virgo Fidelis”,
Tu accogli ogni nostro proposito di bene
e fanne vigore e luce per la Patria nostra;
Tu accompagna la nostra vigilanza,
Tu consiglia il nostro dire,
Tu anima la nostra azione,
Tu sostenta il nostro sacrificio,
Tu infiamma la devozione nostra!
E da un capo all’altro d’Italia suscita
in ognuno di noi l’entusiasmo di testimoniare,
con fedeltà sino alla morte,
l’amore a Dio e ai fratelli Italiani.
Amen!


PREGHJÉRA DAL CARABINÉR


Dólsa e Glorióza Mädra dal Sgnór e Mädra nostra,
nojätor Carabinér d’Itàlja, a Ti alvèmma con rivarénsa al pensér,
pjénna ‘d sperànsa la preghjéra e cäld al cór!
Ti, che il nòstri Legión i sercon confortansa
e protetóra col tìtol äd “Virgo Fidelis”,
Ti aceta ogni nòstor propòzit äd bén
e fàni forsa e luza par la Pàtrja nòstra;
Ti acompàgna la nòstra sorveljànsa,
Ti dà consìlli al nòstor dir,
Ti dà vìtta al nòstor fär,
Ti da sostèggn al nòstor sacrifìssi,
Ti infiàma la nòstra devosjón!
E da ‘n co a l’ätor äd l’Itàlja fà nàsor
in tutt nojätor l’entuzjàzom äd testimonjär,
con fedeltè infìnna ala mòrta,
l’amór al Sgnór e ai fradéj Italjàn.
E ‘csi sia


Il Carabiniere

Selezionato, inquadrato e ben vestito.
Quando lo vedevo, mi impauriva.
Dopo ho capito: lui è il nostro protettore;
ora soddisfatto, lo guardo e gli rendo onore.

Al più debole, lui è pronto per aiutarlo,
e il malandrino, cerca di acchiapparlo.
Non guarda se è già scoccato il mezzogiorno,
notte e giorno, può correre da te.

Purtroppo delle volte deve anche rischiare,
e fucilate, gli capita anche di schivare.
Sempre all’erta, non ha certo da tirar sera:
basta un errore ed è finita la partita…

Dopo tanti appostamenti, uno l’ha preso.

Al buio, in cella l’ha portato.
Bravo e complimenti, carabiniere:
Tu si che sai fare bene il tuo mestiere.

Dovrebbe partire la giustizia, con fatica;
ma va molto piano, e ben poco conclude.
Quando va bene, comincia il tiremmolla,
che diventa lunga ma lunga come una favola.

Carabiniere! Tu che hai schivato le fucilate,
tu che hai lavorato anche in tante nottate,
dei tuoi sacrifici fatti, sei proprio contento?
“Si…no…si…” Ho capito: tu sei prudente.
(Vittorio Campanini)

Al Carabinér
Sarnì, inquadrè, bén vestì
quand al vdäva, mi s’éra spavintè.
Dòpa, j’ò capì: l’é al nòstor protetór;
contént, al guärd e a gh’ rénd onór.

Al pu débol, l’é prónt äd’ jutär,
al birichén, al sérca äd ciapär.
Al né guärda miga s’é zà sonè mezdì:
nòta e gióron, al pól còrror da ti.

Purtròp dil vòlti al gh’à da rizgär,
e dil s’cioptädi, a gh’ vén da schivär.
Oc’ avärt! gh’é miga tant da tirär sira:
basta un zbali e l’é fnì la partida…

Dòp tant apostamént, vón al l’à ciapè.
Al sicur, in galéra, al l’à mandè.
Bravo e complimént, carabinér,
l’é acsì ch’a ‘t fè bén al tò mestér.

Mo la giustìssja la fa fadiga;
la va pjan e l’ àn conclùdda miga.
S’ la và foräda vén fóra ‘na tiremòla,
ch’ l’à dvénta lónga, lónga cme ‘na fòla.

Carabinér! Ti ch’à t’è schivè il s’cioptädi,
ti, ch’ a t’è fat anca tant notädi,
di tò sacrifìssi, sit proprja contént?
“Si...nno…ssi…j’ò capì: a’t zi prudént.
( Vittorio Campanini)

(Pramzàn dal sas)






Nessun commento: