Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







mercoledì 14 novembre 2012

I 75 anni di Vittorio Adorni. “Bón complean campjón”. Articolo pubblicato sulla Gazzetta di Parma il 14 novembre nella rubrica "Tgnèmmos vìsst"



(Testo blu  in italiano)
Vittorio Adorni. “Pramzàn dal sas” , nato a San Lazzaro Parmense il 14 novembre 1937, allora (San Lazzaro faceva comune), ex corridore ciclista, campione del mondo di ciclismo su strada a Imola nel 1968,  oggi compie 75 anni.

Chi da ragazzo, come me, negli anni 60/70 seguiva lo sport del ciclismo ricorda che Parma era nominata come capitale Italiana del  ciclismo. Parma e provincia hanno dato i natali a corridori che poi in quegli anni si sono rivelati campioni del ciclismo professionista. Primo di questi è stato Vittorio Adorni. Parma, in quel periodo, era capitale del ciclismo non solo per gli atleti ma anche per le squadre, la Salvarani, la Luxor Salamini e la Scic, tre società sportive parmensi che hanno visto indossare in quegli anni le loro maglie da tanti campioni del pedale.
I successi più importanti di Adorni  sono stati il giro d’Italia del 1965, dove alla fine Italo Zilioli arrivò secondo con un distacco in classifica generale di 11’ 26’’ e al terzo posto il  rivale di Adorni  ma compagno di squadra della Salvarani, Felice Gimondi  con un ritardo di 12’ 57’’, e il campionato del mondo il 1° settembre  1968 a Imola, con una fuga solitaria di Adorni , partita a circa 100 chilometri dal traguardo,  staccando il Belga Herman Van Springel, secondo classificato  9’ 50’’, al terzo posto Michele Dancelli a 10’ 18’’. Merito della sua spigliatezza, (da vér Pramzàn), Adorni si è dimostrato anche un buon conduttore televisivo, al punto che Sergio Zavoli, nell’anno della vittoria di Adorni al Giro d’Italia, lo volle come opinionista fisso nel “Processo alla tappa”.


Nel 1968, anno della sua vittoria dei mondiali a Imola, vestì i panni di presentatore nella trasmissione televisiva di Rai Due “Ciao Mama”  assieme a Liana Orfei. Un aneddoto che Adorni ricorda di quella trasmissione. In una puntata doveva presentare un concorrente del quiz, Vittorio con la sua cartelletta in mano tipo Mike Bomgiorno, chiamò il concorrente e senza volere in dialetto parmigiano gli disse Ch’al s’ acomda, ch’al vénna pur  avanti -, poi naturalmente si corresse traducendo in italiano la frase. In dieci anni di professionismo Adorni ha vestito le maglie delle squadre; Vov, Philco, Cynar, Salvarani, Luxor Salamini, Faema,  Scic. E’ stato anche allenatore della Salvarani e della Bianchi Campagnolo. BUON COMPLEANNO CAMPIONE!!!


(Testo giallo dialetto parmigiano)
I  75 an’ äd Vittorio Adorni.  “Bón complean campjón”.
Vittorio Adorni. “Pramzàn dal sas” , nasù  a San Làzor Parméns  al 14 novémbor dal  1937, alora (San Làzor al  fäva cmón), ex coridor ciclìssta, campjón  dal mond äd ciclìzom su sträda a Imola in-t-al 1968,  incó al compìssa  75 an’.  
Chi da ragàs, cme mi, in-t-i  ani 60/70 l’andäva adrè al sport dal ciclìzom al s’ arcordarà che Pärma  l’éra nominäda  cme la capitäla Italjàna dal  ciclìzom. A Pärma e provincia è nasù parècc’  coridór che po’, in chi ani lì, i s’én  scopèrt  campjón dal ciclìzom profesjonìssta. Prìmm  äd còssti l’é stè Vittorio Adorni. Pärma, in còll perìod  li, l’éra la capitäla dal ciclìzom mìga sol  p’r  i coridor  mo anca p’r il scuädri  äd , la Salvarani, la Luxor Salamini e la Scic, trèj socetè sportìvi parménsi  ch’ j àn vìsst indosär  in chi an’ li  il sò   majj  da tant campjón  dal pedäl.
I sucés pu importànt  d’ Adorni  j én stè al gir d’Itàlja dal 1965, indò ala fén Italo Zilioli l’é rivè second  con un distach in clasifica generäla  äd 11’ 26’’ e al tèrs  pòst  al  riväl d’ Adorni  mo  compagn’  äd scuädra  ädla Salvarani, Felice Gimondi  con un ritärd äd 12’ 57’’ , e al campionät dal mond  dal 1° setémbor  1968 a Imola, con ‘na fuga solitäria d’ Adorni  partida a cuäzi  100 chilometri dal traguärd,  stacand al Belga Herman Van Springel, second  clasifichè  a 9’ 50’’, al tèrs  posto Michele Dancelli a 10’ 18’’. Mérit  ädla sò dizinvoltura, (da vér Pramzàn), Adorni al  s’é dimostrè  anca un bón condutor  televizìv,  che adritùra Sergio Zavoli, in-t-l’an’  ädla vitorja d’ Adorni al Gir d’Italja, al la volsù cme opinionìssta fiss in-t-al  “Processo alla tappa”.
In-t-al 1968, an’ ädla sò vitorja  ai campjonät  mondjäl  a Imola, l’à vestì i pan’  äd prezentator  in-t-la  trazmisjón  televiziva  äd Rai Due “Ciao Mama”  insèmma  a Liana Orfei. N’ anédot che Adorni  al s’arcorda äd cla trazmisjón li. In-t-na  puntäda al gh’äva da prezentär  un concorént  dal quiz, Vittorio con la sò cartlètta in man tipo Mike Bomgiorno, l’à ciamè al concorènt  e sénsa vrér  in djalètt pramzàn  al gh’à  dìtt –Ch’al s’ acomda, ch’al vénna pur avanti -, pò naturalmént  al s’é  corét e l’à tradòtt in italjàn la fräza. In déz  an’ äd  profesionìzom  Adorni  l’à vestì  il majj  dìll scuädri; Vov, Philco, Cynar, Salvarani, Luxor Salamini, Faema,  Scic. L’é stè anca alenadór  ädla Salvarani e la Bianchi Campagnolo. BÓN COMPLEAN CAMPJ ÓN !!!
(Tgnèmmos vìsst)
Enrico Maletti
(Nelle foto; 1) Vittorio in azione con la maglia della Salvarani, 2)  Vittorio con la maglia della Cynar, 3) Vittorio con la maglia della Scic, 4) Vittorio presentatore nella trasmissione di Rai tre del 1968 "Ciao Mama", 5) Vittorio con la maglia della Salamini Luxor, 6) con i corridori parmigiani Emilio Casalini, Luciano Armani, Ercole Gualazzini, 7) la prima pagina della Gazzetta di Parma il giorno successivo la conquista del titolo iridato di Adorni a Imola del 1968, 8) Vittorio con gli eterni rivali e compagni di squadra Felice Gimondi e Eddy Merckx,)

Nessun commento: