Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 3 gennaio 2010

Proposta di legge “Basta macellare i cavalli”

(Testo blu in Italiano)
Il cavallo pesto, la tagliata, lo stracotto e la tartara potrebbero presto sparire dalle tavole dei parmigiani se dovesse passare una proposta di legge depositata a novembre dall'onorevole del Pdl Paola Frassinetti. «Norme per la tutela degli equini e loro riconoscimento come animali d’affezione», è il titolo della bozza della proposta di legge, che prevede sanzioni salatissime per i trasgressori - dai 2 mila ai 50 mila euro - che potrebbero essere anche puniti con la reclusione da tre mesi a tre anni. Lo scopo è chiaro, «spezzare quella terribile catena vecchiaia-macello che ha condannato a questa triste fine migliaia di animali non più idonei all’esecuzione di prestazioni agonistiche e di lavoro in genere, per motivi di malattia o di anzianità», ma in una città come Parma, dove il cavallo è un piatto della tradizione e dove decine di persone sono impiegate nella lavorazione delle carni, i nobili propositi della Frassinetti si scontrano con un'abitudine alimentare che dura da secoli.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Propòsta äd légia “Basta macelär i cavàj”
Al cavàl pìsst, la tjäda, al stracòt e la tartara i podrìsson sparir dal tävli di pramzàn s’a dovrìss pasär ‘na propòsta äd légia depozitäda a novémbor da l'onorévole dal Pdl Paola Frassinetti. «Nòrmi par la tutela di cavàj e al lor riconosimént cme animäl d’afesjón», l’é al tìttol ädla bòsa ädla propòsta äd légia, ch’ l’a prevèdda sansjón salatissimi p’r i trasgresór - dai 2 mìlla ai 50 mìlla evro – ch’i podrìsson ésor anca punì con la recluzjón da trì méz a trì àni. Al scopo l’é cér, «rompor cla terìbbil cadén’na v’cèra-macél ch’l’ à condanè a cla trista fén mjär äd béssti mìga pù bón’ni a l’ezecusjón äd prestasjón agonìsstichi e ‘d lavor in gènnor, par motiv äd malatjj o d’ ansjanitè», mo in una citè cme Pärma, indò al caval l’é un piat ädla tradisjón e indò tanti parsón’ni j én impiegädi in-t-la lavorasjón ädla cärna, i nòbil propòzit ädla Frassinetti i s’é scóntron con n'abitudine alimentära ch’ l’a dura da sécol.

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto; 1) L'entrata di una delle macellerie da cavallo più vecchie di Parma in via Rodolfo Tanzi, 2) un piatto di cavallo pesto macinato, 3) un cavallo al galoppo).
Il testo in Italiano e tratto da
www.gazzettadiparma.it

Nessun commento: