Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 5 gennaio 2014

Presentato a Modena all’Accademia Nazionale di Scienze Lettere ed Arti il libro GIUDICARE O CAPIRE: Il giudice Giovanni Lodi e il suo mondo, di Antonella Bergamini. Nel capitolo dedicato a Parma curato da Enrico Maletti e Cristina Cabassa, l'autrice ricorda Baldassarre Molossi la libreria Battei e Alberto Michelotti.

 
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)


(Testo blu in italiano)
E’stato presentato a Modena all’Accademia Nazionale di Scienze Lettere ed Arti il libro GIUDICARE O CAPIRE un romanzo scritto da Antonella Bergamini (edizione Artestampa) moglie del magistrato Giovanni Lodi, un saggio che contiene tante testimonianze della sua vita. Il Giudice nato a Bologna e vissuto a Modena, era di origini parmigiane da parte della madre.
Il libro contiene i ricordi di una vita. In un capitolo, curato dai parmigiani Enrico Maletti e Cristina Cabassa  viene ricordata la città di Parma, quando il magistrato Lodi veniva a Parma, le soste principali erano l’edicola della stazione dove acquistava la Gazzetta di Parma del mitico direttore Baldassarre Molossi, come dice nel libro l’autrice Antonella Bergamini, poi una passeggiata in centro, la visita alla Palatina, un salto in duomo, una visita alla libreria Battei di via Cavour. Aveva una stima per l’arbitro internazionale di calcio Alberto Michelotti quando era in attività.
Le soste in alcune salumerie del centro storico per acquistare prosciutto e culatello. Mentre passeggiava con la moglie per le strade di Parma non poteva mancare una qualche battuta in dialetto parmigiano o i tanti proverbi sulla giustizia come; “L’avocät ch’ l’à pèrs la cusa al conosäva il legi, l’avocät ch’ l’à véns al conosäva i giuddic’. Giovanni Lodi si sentiva cittadino di Parma, della Parma sognata dal Duca Filippo di Borbone. Quando veniva a Parma non poteva mancare di fare una visita a Bellena di Fontevivo dove era nata la madre e dove aveva trascorso le estati da bambino. Il romanzo di 618 pagine sarà messo in vendita nelle migliori librerie d'Italia.


(Testo giallo dialetto parmigiano)
Prezentè a Modna a l’Accadémia Nasjonäla äd Siénsi Lìttri e Ärti al  lìbbor GIUDICARE O CAPIRE: al giuddis Giovanni Lodi e al so mond, scrìtt da Antonella Bergamini. In-t-al capìttol dedichè a Pärma curè da Enrico Maletti e Cristina Cabassa, l'autrice la s'arcòrda äd Baldassarre Molossi ädla librerja Battei e d’ Alberto Michelotti.

E’stè prezentè a Modna a l’Accadémia Nazsjonäla äd Siénsi Lìttri e Ärti al  lìbbor GIUDICARE O CAPIRE un romanz scrìtt da Antonella Bergamini (Edisjon Artestampa), mojéra dal magisträt Giovanni Lodi, un sagg’ ch’ al contén tanti testimoniànsi ädla so vìtta. Al Giuddis  nasù a Bològgna e visù a Modna, l’éra d’ orìggin pramzàni da pärta ädla mädra.

In-t-al lìbbor gh’é i ricord äd ‘na vìtta. In-t-un capìttol, curè dai pramzàn Enrico Maletti e Cristina Cabassa a vén arcordè la citè äd Pärma, cuand al magisträt  Lodi al gnèva a Pärma, il sosti principäli j éron l’edìccola ädla stasjón indò al compräva la Gazètta äd Pärma dal mìttich diretor Baldassarre Molossi, cme dìz in-t-al lìbbor l’avtrice Antonella Bergamini, po ‘na pasegiäda in céntor, la vizita ala Palatén’na, un sält in dóm, ‘na vizita ala librerja Battei äd via Cavour. Al gh’ äva ‘na stìmma par l’arbitro internasjonäl äd calcio Alberto Michelotti cuand l’éra in ativitè.

Il sosti in socuànt salumerjj dal céntor storich par comprär parsùtt e culatél. Intànt ch’ al pasegjäva con sò mojéra p’r il sträd äd Pärma al n’é podäva mìga mancär ‘na cuälca batuda in djalètt pramzàn o i tant provèrbi sull giustìss cme; “L’avocät ch’ l’à pèrs la cavza al conosäva il legi, l’avocät ch’ l’à véns al conosäva i giuddis’. Giovanni Lodi al s’ sentiva citadén äd Pärma, ädla Pärma sognäda dal Duca Filippo di Borbone. Cuand al gnèva a Pärma al n’é podäva mìga mancär äd fär ‘na vizita a Blén’na äd Fontvìv indò éra nasù la mädra e indó l’äva trascors jli istè da putén. Al romanz 'd 618 pagini, al srà mìss in vendita in-t-il miljori librerjj d'Itàlja.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

Nelle foto: 1) L'autrice del romanzo Antonella Bergamini, con Enrico Maletti e Cristina Cabassa che hanno curato il capitolo su Parma, 2) Il tavolo dei relatori alla presentazione, 3) il pubblico, 4) la copertina del libro, 5) Baldassarre Molossi e la sede storica della libreria Battei, 6) la porta pidocchiosa a Parma in via Ferdinando Maestri, e una foto con Enrico Maletti e Alberto Michelotti. 

 

Nessun commento: