Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 8 marzo 2010

Contro le bestemmie in campo la poesia in dialetto parmigiano "La Bjastùmma" di Fausto Bertozzi. Giocatori: imprecate con dei numeri, non bestemmiando

(Testo blu in Italiano)
E’ di questi giorni la notizia che chi bestemmia in campo durante le partite di calcio viene squalificato per uno o più turni. Purtroppo questo atteggiamento è spesso usato durante le partite di calcio ed è risaputo che gli atleti sono presi come esempio da tutti in particolare dai giovani.

Con i sofisticati metodi televisivi di oggi, primi piani, inquadrature che tramite il labiale fanno capire perfettamente quello che uno dice, non è proprio un buon esempio. Vorrei dire a ognuno di costoro: se sei credente e bestemmi, scusami sai, ma sei un vigliacco e un ipocrita. Se sei un ateo, miscredente, non credi a nulla e bestemmi, contro chi imprechi? Cosa sei? Dillo tu: uno stupido ?, un incosciente ?, un pollo ?

A questo proposito ho trovato nel mio repertorio una poesia in dialetto Parmigiano scritta alcuni anni fa dal poeta e amico Fausto Bertozzi dal titolo “La bjastumma”.
Questo testo, scritto nel nostro vernacolo ma comprensibile anche da chi non è di Parma, vorrebbe letto dai giocatori e dagli allenatori prima di scendere in campo.

Una buona idea sarebbe invece di imprecare al cielo con una bestemmia, per un rigore sbagliato o per una decisione arbitrale si pronunciassero ad alta voce una serie di numeri. Per esempio un rigore sbagliato (65-80-24-13-19-71) o per una decisione arbitrale non condivisa (90-12-44-88-16-29) e via dicendo, sarebbe più educativo e anche più curioso per qualcuno che i numeri li vuole poi giocare per fare un bel superenalotto.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
L’é äd chi gioron chì la notìsja che coj ch’a bjastùmma in camp durant il partìdi äd calcio i vénon scualifichè par vón o pù turon. Purtròp cl’ ategiamént chì l’é drovè ‘d spèss durànt il partìdi äd calcio e l’é risavù ce j atléta j’én tòt cme ezémpi da tutt in particolär dai giòvvon.

Con il sofisticädi manéri televizìvi d’ incó, prìmm pjan, incuadradùri che tràmit al labjäl i fan capir perfetamént còl che vón al diz, al n’è mìga un gran bél ezémpi. A vrìss dir a ognón ‘d chilór: s’ a at si credént e at bjastùmm, scuzom sa, mo a ‘t si un viljach e n’ ipòcrit. S’ a’t si n’ ateo, miscredènt, e a’t bjastùm, cóntra chi po? Co sìt? Dill ti: un stùpid ?, un incosiént ?, un polastor ?
A col propozit chì j ò catè in-t-al me repertòri ‘na poezia in djalètt Pramzàn scrìtta socuànt àni fa dal poeta e amìgh Fausto Bertozzi dal titol “La bjastumma”.
Col tést chì, scritt in-t-al nòstor djalètt ma comprensìbbil anca da chi a ‘n’n’è mìga un Pramzàn, al vrìss lizù dai zugadór e j alenadór prìmma d’andär in camp.
‘Na bón’na idea la saros se invéci d’ imprecär al cél con ‘na bjastùmma, p’r un rigor zbaljè o par ‘na decizjón arbiträl a’s pronuncìss ad älta voza ‘na sérja äd nùmmor. P’r ezémpi, un rigore szbaliè (65-80-24-13-19-71) o par ‘na decizjón arbiträla mìga condivìza (90-12-44-88-16-29) e via acsì, sarìss pù educatìv e anca pù curióz par cuälchidon che i nùmmor alja vól zugär al lot.

LA BJASTUMMA

L’ é un delìtt sénsa masär,
pés ancòrra che robär,
spudär sóra a chi t’ vól ben,
dir: “Gh’ ò un Pädor asasén”,
där un s’ciaf a un inocént,
a Vón ch’ vól ch’ a t’ sij contént,
ch’ a t’ darè tutt al so cór
cuand t’é carogh äd dolór.
T’ ò sentì ! T’ m’ è fat pjetè…
Mo parchè ät bjastumè ?
Lasa perdor j acidént
se po’ a t’ diz ch’ a n’ t’ credd a njént !
E se invéci a t’ credd a cuél,
parchè a t’ voltot vers al cél ?
Lasa andär, fa mént a mi:
s’ a gh’ é cuél incó äd travärs,
spéta ch’ véna un ätor dì:
coll ch’ sucéda al gh’ à du vers:
sóra al nuvvli, pénsogh bén,
gh’ é un azurr sémpor bél srén,
e se apén’na un po’ a t’ guardìss,
spónta ‘l Sgnór in méza al fiss !
Guärda… e spéta ch’ gnirà ‘l sól....
Sit a téra ?.....A t’ spicrè ‘l vól....
Mo s’ a n’ t’ fè che maledìr...
A n’ so miga indo’ t’ ve a fnir…
Sät ? Cardemma äd savér tant:
bjastumär l’ é da ignorànt !
Scóltom….täz…dmanda pardón,
ch’ a t’ vój bén al me suclón.
Schérsa alóra con i fant
però guäj s’ a t’ tocch un sant !

Fausto Bertozzi
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Nessun commento: