Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 18 aprile 2010

“Spéta ch’ am mètt a djéta”, successo della prova generale con assaggi gastronomici, CON POESIA IN DIALETTO DEDICATA AD ALBERTO MICHELOTTI

(Cliccare sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)
E’ riuscita con successo la prima serata dello spettacolo dal titolo “Spéta ch’ am mètt a djéta” proposto dal gruppo di “Stasìra parlèmma in djalètt” , composto da varie associazioni culturali di Parma. Lo spettacolo di quest’anno e improntato sulle diete alimentari e sui prodotti della nostra terra, i prodotti alimentari Parmigiani che tutto il mondo ci invidia. Lo spettacolo è stato rappresentato come prova generale in previsione delle serate di questa estate nelle piazze dei quartieri di Parma, il tutto voluto come l’anno scorso, da l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma e dallo stesso Assessore Luca Sommi, che per il secondo anno ha creduto nel progetto delle Associazioni Culturali che hanno organizzato questo copione. La prova generale si è svolta nella sala Barilla della Famìja Pramzàna, e il pubblico ha riempito la sede, addirittura alcune persone arrivate in ritardo, hanno dovuto rinunciare allo spettacolo, causa la sala gremita. Le poesie, gli scketc, le battute, tutte rigorosamente in dialetto Parmigiano, hanno coinvolto anche il pubblico. Gli interpreti sono stati, Anna Maria Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Rosetta Grassi, Luigi Frigeri, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Claudio Cavazzini, Ermes Ghirardi e Maurizio Landi. Un successo personale hanno avuto anche i piccoli Giulia, Marco e Riccardo, che sotto l’attento insegnamento di Cristina Cabassa, hanno rappresentato in dialetto una simpatica scenetta sulle diete a base di ortaggi. Ha metà dello spettacolo Enrico Maletti, ha letto una poesia dal titolo “La Ricéta”, scritta alcuni anni fa dal giornalista Lorenzo Sartorio, dedica ad Alberto Michelotti, per l’occasione presente in sala, il testo ha strappato una qualche lacrima di commozione a l’Alberto Parmigiano, è conosciuto in tutto il mondo per la sua attività di arbitro Internazionale di calcio. Un ringraziamento è andato al Consorzio del Parmigiano Reggiano , al Monte delle Vigne, e a tutte le aziende che hanno offerto la degustazione dei propri prodotti , prima e dopo lo spettacolo.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
“Spéta ch’ am mètt a djéta”, sucés ädla prova generäla con asag’ gastronomich.
L’ é gnùda bén bombén la pìmima seräda dal spetacol dal titol “Spéta ch’ am mètt a djéta” propost dal grupp äd “Stasìra parlèmma in djalètt” , compòst da parècci asociasjón culturäli äd Pärma. Al spetacol äd st’an’ l’é improntè sul dieti alimentäri e sui prodott ädla nostra téra, i prodott alimentär Pramzàn che tutt al mond s’invidia. Al spetacol l’é stè raprezentè cme próva generäla in previzjón dil serädi äd stì stè in-t-il pjàsi di cuartér äd Pärma, al tutt volsù cme l’an’ pasè, da l’Asesorät ala Cultura dal Cmon äd Pärma e dal stés Asesor Luca Sommi, che p’r il second an’ l’à cardù in-t-al progét djli Asociasjón Culturäli ch j àn organizè còll copjon chì. La próva generäla l’é städa fata in-t-la säla Barilla ädla Famìja Pramzàna, e al pubblich l’à limpì la säla, adritùra socuànt parsón’ni rivädi in ritärd, j àn dovù rinunciär al spetacol, causa la säla pjén’na. Il poezjj, i scketc, il batudi, tùtti rigorozamént in djalètt Pramzàn, j àn coinvolt anca al pùbblich. J intèrpret j én stè, Anna Maria Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Rosetta Grassi, Luigi Frigeri, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Claudio Cavazzini, Ermes Ghirardi e Maurizio Landi. Un sucés parsonäl j àn avu anca i putén Giulia, Marco e Riccardo, che sòtta l’atént insegnamént äd Cristina Cabassa, j àn raprezentè in djalètt ‘na simpatica senètta sul djéti fati d’ ortag’. Ha metè dal spetacol Enrico Maletti, l’à lizù ‘na poezia dal titol “La Ricéta”, scrìtta socuànt àni fa dal giornalìsta Lorenzo Sartorio, dedicäda a Alberto Michelotti, par l’ocazjón presént in säla, la poezia l’à strapè ‘na cuälca lägorma äd comosjón a l’Alberto Pramzàn, consù in tutt al mond par la so ativitè d’ arbitro Internasjonäl äd calcio. Un ringrasjamént l’é andè al Consorsi dal Parmigiano Reggiano , al Mont dil Vìggni, e a tùtti ilj aziéndi ch’ j àn ofèrt la degustasjón di pròpri prodott , prìmma e dòpa al spetacol.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)


La ricéta
Äd forsa: cme gh'n’ à un mur ädla Nonsjäda;
dal cór: tant molzén cme 'l fuss fat äd pjén;
coràg’: äd còll spontè in-t-na baricäda;
po' un sprición äd s’ciùmma cme gh'à al nòstor vén...

Càta po' su i pu béj äd tutt i fjór
ch’ a gh'é da San Fransèssch ai du Pavlòt,
po' armes’cia, cuàta tutt cme n'alvadór
e 't gh'é l'impast drovè par fär Miclòt.
(Fausto Betozzi e un gruppo di amici Pramzàn)


Nessun commento: