Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 15 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 15 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 4 giugno 2012

Una domenica pomeriggio trascorsa con gli abitanti di Cavezzo e Mirandola


Clicca sulle foto per ingrandirle.
Foto di Cristina Cabassa
(Testo blu in italiano)
Molto apprezzata l’iniziativa della “Gazzetta di Parma” per raccogliere fondi da consegnare al sindaco di Cavezzo Stefano
Draghetti. Domenica 3 giugno, al pomeriggio, noi di
“parmaindialetto”  ci siamo recati a Cavezzo per vedere di persona i danni che ha procurato e che sta continuando a fare il terremoto, dalla prima scossa della notte del 20 maggio, quando alle 4,05 si è avvertita la prima scossa di magnitudo 5,8 che
ha distrutto una buona parte della bassa Modenese in particolare il paese di  Cavezzo, (Cavèz) in dialetto Mirandolese,  un comune di 7300 abitanti a una decina di chilometri da Mirandola, (Miràndla) in dialetto Mirandolese. Il centro del paese è in prevalenza distrutto e chiuso al traffico come zona rossa.
Nel girare in paese nelle zone al di fuori delle transenne, ci si rende conto del disastro apocalittico che ha colpito la zona.  Macerie,  case completamente distrutte, impressionanti  sono  due ville a Cavezzo una al fianco all’altra, la prima ancora in piedi ma chiusa, mentre la
seconda, completamente distrutta, a fianco un centro commerciale e un condominio di una quarantina  di appartamenti che si sono piegati sulla sua sinistra, di fronte a pochi metri, è stata messa la sede provvisoria  del C.O.C. Centro Operativo Comunale, dove vengono organizzate le
emergenze, perciò lavoro a ciclo continuo perché le emergenze non si contano più, poco distante al C.O.C. è sorta una tendopoli dove alloggiano gli abitanti del centro che hanno perso la casa. Cavezzo in questi giorni è diventato un centro dove si trovano ruspe, veicoli dei vigili del fuoco
e operatori delle TV, che si collegano con i telegiornali per gli aggiornamenti  sul sisma. Ci siamo fermati a parlare con alcuni abitanti di Cavezzo e quando hanno sentito che eravamo di Parma già sapevano che la  “Gazzetta di Parma” aveva
aperto una sottoscrizione in favore del loro paese, commossi  ci hanno abbracciato e stretto la mano. Via da Cavezzo ci siamo recati a Mirandola, un comune di circa 25.000 abitanti a dieci minuti di auto da Cavezzo.
Anche a Mirandola, si è presentata una situazione disastrosa in particolare nel centro storico transennato, dove al di fuori si trovano solo veicoli dei vigili del fuoco e degli operatori  televisivi.  Anche nella  zona industriale di Mirandola si trovano dei capannoni completamente distrutti.
Al ritorno impressionante è stato vedere l’azienda “Acetum” a Motta di Cavezzo, dove si produce l’ aceto balsamico di Modena che va spedito in tutto il mondo, e dove da fuori si vedono le botti di aceto perché il fianco dello stabilimento è crollato proprio su un rimorchio di una autobotte  che stava caricando l’aceto.
La pubblicità di questa azienda,  dice “La pazienza è il nostro ingrediente principale”, questa volta di pazienza ce ne sarà proprio bisogno.
Testimonianze terribili che fanno rabbrividire.
(Testo giallo dialetto parmigiano)
‘Na domenica dopmezdì  pasäda  con j abitant äd Cavèss e Miràndla
E’ piazù bombén  l’inisjativa ädla “Gazètta äd Pärma” par catär su  i sold  da consgnär al sìnndich  äd Cavèss  Stefano Draghetti. Domenica 3 zuggn, al dopmezdì, nojätor  äd “parmaindialetto”  sèmma  andè a Cavèss  par  vèddr  äd parson’na i dan ch’l’à fat e che  al
contìnva a fär  al  teremot,  dala prìmma scosa ädla nota dal 20 äd mag’, cuand  a 4,05 äd nota gh’é stè la  scosa äd magnitudo 5,8 ch’l’à  distrutt ‘na bón’na  pärta ädla basa Modnéza  in particolär al paez  äd  Cavèss, (Cavèz) in djalètt 
 Mirandoléz,  un cmón äd  7300 abitant  a ‘na  dezén’na  äd chilometri da Miràndla, (Miràndla) in djalètt  Mirandoléz. Al céntor  dal paéz l’è  pu che ätor distrutt  e sarè  al trafich cme zona ròssa. In-t-al  girär in paéz  in-t-il  zoni  fóra  dai cavalètt,  a s’  rendèmma  cont  dal dizastor  apocalìttich ch’ l’à  colpì la zona. 
Macèrjj,  ca’ completamént distrùtti, impresionànt  j én  do viìlli a Cavèss  vùnna al fjanch  a l’ätra, la prìmma ancòrra in pè mo saräda, e la seconda, completamént  distrùtta, a fjanch un céntor comerciäl e un condomìnni  con ‘na
quarantén’na  d’ apartamént  chì s’én  pighè  insìmma ala sinistra, da l’ätra pärta,  a socuànt  mèttor, è  stè  impiantè  la séda provizoria  dal C.O.C. Céntor  Operatìv  Comunäl, indò vén  organizè ilj emergénsi, perciò lavor a ciclo contìnnov  parché ilj emergénsi  i n’è’s contom mìga  pù. Poch
distant  al C.O.C. è nasù  ‘na tendopoli  indò gh’stà  j abitant dal céntor ch’ j  àn pèrs  la ca’. Cavèss in chi gioron chì  l’é dvintè  un cèntor  indò  s’ càta dill rùsspi , machini e camjo di pompér e operator dill  televizjón, ch’ i s’ colegon  con i telegiornäl  p’r  i agiornamént  sul  teremot. 
A s’sèmma  fermè a parlär con socuànt abitant äd Cavèss  e cuand j  àn sentì ch’ a  s’ éron  äd  Pärma, i sävon zamò  che la  “Gazètta äd Pärma” l’ äva avärt ‘na sotoscrisjón  in favor  dal lor paéz, i s’én comos e i sàn brasè su  e strichè la man. Via da Cavèss  a sèmma  andfè a Mirandla, un cmón  äd cuäzi  25.000 abitant  a déz  minud  äd machina da Cavèss .
Ànca  a Mirandla, s’é  presentè  ‘na  situasjón dizastroza in particolär in-t-al céntor stòrich  sarè su,  indò fóra  a s’ càta sol di camjo  di pompér e di operatór  televiziv.  Ànca in-t-la  zona industrjäla  äd Mirandla a gh’è  di capanon  completamént  distrutt. Al ritoron,  impresjonant  l’é stè  vèddor  l’azjénda “Acetum” a Motta äd  Cavèss ,
un stabilimént  indò s’ fa  l’ azèjj  balsamich  äd Modna par tutt al mond, e indò  d’ed fora   a s’ vèdda  il bòtti d’ azèjj  parché al fjanch  dal stabilimént  l’é  dè zò pròprjo su un rimorc’ äd  n autobòtta  ch’ l’éra ‘drè  cargär l’azèjj.
La publicitè äd cl’ azjénda chì, l’à diz “La pasjénsa l’é  al nostor ingredjént  principäl”, stà volta äd pasjénsa  agh’ n’in vól bombén.  Testimoniansi teribili ch’i fan gnìr i zgrizór.
(Tgnèmmos vìsst)
Enrico Maletti

.

Nessun commento: