Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 7 ottobre 2008

Strada Elevata ecco la scultura



(Testo blu in Italiano)
Strada Elevata ecco la scultura


Un orario più strano non si poteva scegliere, ore 19, per l’innaugurazione della scultura a Strada Elevata nella rotonda, soprannominata dagli abitanti della zona “Il fagiolo”, nell’incrocio tra via Emilia Est, via Zarotto e via Mantova. La scultura in marmo opera dell’artiscta Pietro Cascella, è un dono alla città da parte di Enìa. Alla cerimonia di inaugurazione è inte
rvenuto il Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, il critico d’arte Vittorio Sgarbi, il Sindaco di Parma Pietro Vignali, il Presidente di Enìa Andrea Allodi, numerose personalità, tanti Parmigiani e abitanti della zona, che dopo più di un anno di lavori hanno visto realizzata l’opera. La scultura di marmo bianco di Carrara ha un diametro di metri 5,91, un’altezza di 3 metri e un peso complessivo di 30 tonnellate. Il monumento di Cascella è il secondo a Parma, l’altro si trova alla porta ovest in piazzale Santa Croce che nel 1994 fu donato a Parma da Pietro Barilla. L’opera rappresenta un cubo sospeso su uno specchio d’acqua. Il monumento con questo cubo sospeso vuole rappresentare la precarietà della vita, il racconto di come una cosa pesantissima riesce a diventare lieve e apparentemente rassicurante, che rappresenta anche il testamento artistico di Cascella scomparso in maggio di quest’anno e per lui è stato l’ultimo lavoro, queste sono le parole della vedova dello scultore Pescarese che amava Parma e la riteneva la sua seconda città. Grazie al contributo di Enìa si aggiunge a Parma un altro anello di cultura


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Strè ‘Lvè ecco la scultùra


‘N oräri pù stràn ‘a ‘n ‘s podäva mìga sarnìr, sètt ór ‘d sira, par l’inaugurasjón ädla scultùra a Strè ‘Lvè in-t-la rotónda, con al stranóm che i residént ädla zòna i gh’àn de “Al fazó”, in-t-l’incróz tra via Emìlja
Est, via Zaròt e via Màntva. La scultùra in märmor òpra äd l’artìssta Pédor Cascella, l’é un regàl ala citè fat da Enìa. Ala cerimònia d’inaugurasjón è intarvgnù al Minìsstor di Bén Culturäj Sandro Bondi, al crìttich d’ärta Vitòrio Sgärbi, al Sìnndich äd Pärma Pédor Vignäli, al Presidént d’ Enìa Andrea Alòdi, parècci parsonalitè, tànt Pramzàn e abitànt ädla zòna, che dòpa pù ‘d ‘n an’ äd lavór j han vìsst realizè la scultùra. La scultùra äd märmor bjànch äd Carära l’a gh’ à un djàmetro äd mèttor 5,91, n’altèssa äd 3 mèttor e un péz complesìv äd 30 tonelädi. Al monumént äd Cascella l’é al secónd a Pärma, ch’ l’ ätor l’é ala pòrta ovest in pjasäl Santa Cróza che in-t-al 1994 l’è stè regalè a Pärma da Pédor Barìla. L’òpra l’a raprezénta un cubo sospèz insìmma a ‘n spèc’ d’acua. Al monumént con sté cubo sospéz al vól rapprezentär la precarietè ädla vìtta, al racónt äd cme ‘na còza pezànta bombén l’a dvénta alzéra e aparentemént rasicurànta, e al raprezénta anca al testamént artìsstich äd Cascella, mòrt in màg’ äd s’t’an’ e par lu l’é stè l’ùltim lavór, còssti j én il paròli ädla vèddova dal scultór Pescaréz ch’ al vräva bén bombén a Pärma che par lu l’éra la so secónda citè. Gràzja al contribùt d’ Enìa a zontémma a Pärma n’ ätor anél äd cultura.
(Tgèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

Nessun commento: