Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







mercoledì 15 luglio 2015

Bèrto Miclòt... 85 an' d'un grand pramzàn TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO E ITALIANO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA DI PARMA DEL 15 LUGLIO 2015. NELLA RUBRICA "Tgnèmmos vìsst" FOTO D'ARCHIVIO DI http://parmaindialetto.blogspot.it/ ALBERTO MICHELOTTI CON SANDRO PIOVANI E ENRICO MALETTI DAVANTI ALLO STADIO TARDINI DURANTE LE RIPRESE DI "SOCUANT MINUD IN DJALETT PRAMZAN"


 FOTO DALL' ARCHIVIO DI http://parmaindialetto.blogspot.it/ ALBERTO MICHELOTTI CON SANDRO PIOVANI E ENRICO MALETTI DAVANTI ALLO STADIO TARDINI DURANTE LE RIPRESE DI "SOCUANT MINUD IN DJALETT PRAMZAN"
FOTO DI NICOLA GENNARI


Bèrto Miclòt... 85 an' 

d'un grand pramzàn

Un pramzàn specjäl ancòrra pù che “Pramzàn dal sas”. 
Alberto Michelotti, p'r j amìgh “Bérto”, al taja al tragvärd di sò “prìmm” 85 an', nasù al cuìnndoz äd lujj dal mìllaenovsént-trénta. Fìzich da sportìv da fär invìddja a cualùnncue atléta, lavoratór mäj stuff, amànt ädla sò famìja, la mojéra Lavra, il fjóli Wania e Sonya e di sò anvód, e anca ädla sò Pärma e di sò amìgh pramzàn. Se cuälcdón l'é in crizi o deprés, basta pasär n' óra insèmma con Bérto e podì stär sicùr ch' a 'n gh'é mìga 'na medzén'na pù bón'na. Se po' at' gh' é ocazjón äd sentìrol parlär ädla sò vìtta, cme gh'é publichè in-t-al lìbbor “Dirige Michelotti da Parma”, al t' incanta, at' capìss la vìtta äd n'òmm visùda al sént par sént.
Pramzàn DOC, nasù dedlà da l'acua in via Imbriani da 'na famìja modésta, l'é carsù con al spìrit d' un pramzàn äd véc' stamp, cme al diz lu, -j ò patì la fama-, mo a gh'é stè insgnè l'onestè, la lealtè e al rispét dìll parsón'ni. A trèdz an' l'à tachè a lavorär a véndor fruta e verdura in giära in-t-al bànch äd famìja, durànt la stagjón lirica al teator Regio l'andäva in-t-i pälch a véndor il bruzädi, par där 'na man ala mädra a fär crèssor i sò trì fradéj pù giòvvon äd lu. Pò l'à fat al garzón da mecànich äd càmjo, fìn a prelevär l'azjénda con al sò sòcio Gino Bolzoni, ch' l' à spartì con lu al lavór par parècc' témp. Arbitro internasjonäl äd calcio in-t-i an' 60/70, al sé fat rispetär sui camp äd calcio con zugadór, dirigént e alenadór, parlànd in djalètt pramzàn. Amant äd la lirica, al fa pärta dal “Club dei 27” con al nòmm äd l'òpra äd Verdi “Don Carlos”. Purtròp in còll perìod chì l'é 'drè sofrìr bombén cavsa i tribuléri dal Pärma calcio, scuädra indò l' à zughè da ragas in-t-al ról äd portér e l'é tifoz e opinionìssta òspit fiss in-t-la trasmisjón a TV Parma dal lundì sira. N'ätra sò pasjón äd Bèrto, l'é còlla äd tramandär ai giòvvon la sò esperjénsa äd vìtta, e d' insgnär al djalètt pramzàn, sò prìmma lénngua prìmma äd l'italjàn. Caro Bèrto bón compleàn da pärta äd tutt i pramzàn chì t' vólon bén bombén e it' pòrton d' ezémpi cme méstor äd vìtta.
Tgnèmmos vìsst

TESTO IN ITALIANO

Alberto Michelotti... 
85 anni di un grande parmigiano

Un parmigiano speciale ancora più di “Parmigiano del sasso”. Alberto Michelotti, per gli amici “Bérto”, taglia il traguardo dei suoi “primii” 85 anni, nato il 15 luglio 1930. Fisico da sportivo da fare invidia a qualsiasi atleta, lavoratore instancabile, amante della sua famiglia, la moglie Laura, le figlie Wania e Sonya e dei suoi nipoti, ma soprattutto della sua Parma e dei suoi abitanti. Se qualcuno è in crisi o depresso, basta passare un 'ora in compagnia con Berto e vi garantisco che non c'è medicina migliore. Se hai occasione di sentirlo a parlare della sua vita, come pubblicato nel libro “Dirige Michelotti da Parma”, ti incanta, capisci la vita di un'uomo vissuta al cento per cento.
Oltretorrentino DOC. nato in via Imbriani da una famiglia modesta, è cresciuto con lo spirito di parmigiano di vecchio stampo, come dice lui ho patito la fame, ma gli è stato insegnato l'onestà, la lealtà e il rispetto delle persone. A soli tredici anni ha cominciato a lavorare a vendere frutta e verdura in ghiaia nel banco di famiglia, durante la stagione lirica al teatro Regio andava nei palchi a vendere le castagne, per aiutare la madre a fare crescere i suoi tre fratelli più giovani di lui. Poi garzone da meccanico di autotreni, fino a prelevare l'azienda con il suo inseparabile socio Gino Bolzoni, che ha condiviso il lavoro per parecchi anni. Arbitro internazionale di calcio negli anni 60/70, si è fatto rispettare sui campi di calcio con giocatori, dirigenti e allenatori, parlando in puro dialetto parmigiano. Appassionato di lirica, fa parte del “Club dei 27” con il nome dell'opera di Verdi “Don Carlos”. Purtroppo in questo periodo sta soffrendo causa le vicissitudini del Parma calcio, squadra dove lui ha militato da ragazzo nel ruolo di portiere ed è tifoso e opinionista ospite fisso nella trasmissione di TV Parma del lunedi sera. Oltre al calcio, Berto, la sua passione è quella di tramandare ai giovani la sua esperienza di vita, e di insegnare il dialetto parmigiano sua prima lingua prima dell'italiano. Caro Berto buon compleanno da parte di tutti i parmigiani che ti vogliono tanto bene e ti portano d' esempio come maestro di vita.

Nessun commento: