Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 13 gennaio 2015

Stòrja äd Sant Iläri protetór äd Pärma, in djalètt pramzàn. TESTO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA DI PARMA DEL 13 GENNAIO 2015 NELLA RUBRICA "Tgnèmmos vìsst"


(FOTO DI PIETRO MALETTI)
(CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA)



(TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO)
Stòrja äd Sant Iläri protetór äd Pärma, in djalètt pramzàn

Iläri al nàsa a Poitiers (in Aquilania, Francia) tra j ani 310 e 320, da ‘na famija äd nòbil.
D’Ànim generóz, convartì al Crstjanìzom d’etè carsùda, dòpa ‘na ricérca tra il filozofìj Pagani al càta ‘na prìmma lùza in-t l’antìgh testamént e, pu tärdi, al s’rinsälda in-t-la féda äd Crìsst dala letùra dal Vangéli. Fornì 'd 'n inteligénsa mìga cmón, al vén fàt Vèsscov värs l’an' 350 e da còll momént li al s’dèdica totalmént ala cura ädla Céza, andànd con n’ asjón contra l’erezìa äd Ario (256 – 336), ch ‘al negäva la natura divìna äd Crìsst. In-t-al 356 l’Imperatór Costanzo II, partegiànt äd Ario, al l'à mànda in ezìlli a Frigia (in Asia Minor), indó al stùdja al pensér Teològich Orjentäl e al lòta con forsa par la diféza ädla féda, al so entuzjàzom al l’à fa ciamär l’Atanasio äd l’ Ocidént. Intànt ch’ l’ éra in ezìlli, S. Iläri al s’ manténa in contàt con la so djòcezi, po al vén convochè al Concìlli äd Rìmini ( p’r i Vèsscov äd l’ Ocidént) e a còll äd Seleucia (p’r i Vèsscov Orientäl), però lu al partècipa solamént al second in-t-al setémbor 359. In-t-al 360 al torna in Gallia (l’atuäla Francia) indó con dificoltè al va avànti in-t-la so idéa anti Ariàna infìnna a che in-t-al 361 o 362, al Concìlli äd Parigi, al lìbera la Gallia da i Vèsscov partegiànt p’r Ario. Al vén inviè a Milàn par contrastär al Vèsscov Arjàn Assenzo mo la protesjón äd l’ Imperatớr Valentinjàn la parmètta in ùltim äd prevalér e S. Iläri al torna a Poitiers, indó al s’ dèdica al Ministér Pastoräl. Al Sànt Protetór äd Pärma al móra al 1° äd novémbor dal 367. L’é stè proclamè Dotór ädla Céza dal Päpa Pio IX in-t-al 1851. Pärma al l’ arcòrda par l’ anédot dal cibàch ch’ la dè vìtta ala tradisjón dìl scarpètti dolsi al 13 äd znär d’ògni an' gjóron ädla so nasita.
(Tgnèmmos vìsst)

(TESTO IN ITALIANO)

Ilario nasce a Poitiers (in Aquitania, Francia) tra il 310 e il 320, da una famiglia di nobili.
Di animo generoso, convertito al Cristianesimo da adulto, dopo una ricerca tra le filosofie Pagane, trova una prima luce nell’antico testamento e, più tardi, viene rinsaldato nella fede di Cristo dalla lettura del Vangelo. Dotato di una intelligenza non comune, è eletto Vescovo verso l’anno 350 e da quel momento si dedica totalmente alla cura della Chiesa, conducendo un’ azione contro l’eresia di Ario (256 – 336), il quale negava la natura divina di Cristo. Nel 356 l’Imperatore Costanzo II, seguace di Ario, lo manda in esilio a Frigia (in Asia minore), dove studia il pensiero Teologico orientale e lotta con vigoria per la difesa della fede, il suo zelo gli fa dare il nome di Atanasio dell’occidente. Mentre è in esilio, S. Ilario si mantiene in contatto con la sua diocesi, poi viene convocato al Concilio di Rimini (per i Vescovi dell’Occidente) e quello di Seleucia (per i Vescovi orientali), S. Ilario partecipa al secondo nel settembre 359. Nel 360 ritorna in Gallia (l’attuale Francia) dove con difficoltà prosegue nella sua idea anti Ariana fino a che nel 361 o 362, il Concilio di Parigi liberò la Gallia dai Vescovi seguaci di Ario. Viene inviato a Milano per contrastare il Vescovo Ariano Assenzio ma la protezione dell’imperatore Valentiniano permette a quest’ultimo di prevalere e S.Ilario rientro a Poitiers, dove si dedica al ministero Pastorale. Il Santo patrono di Parma muore il 1° novembre del 367. Viene proclamato Dottore della Chiesa dal Papa Pio IX nel 1851. Parma lo ricorda per l’episodio del calzolaio, episodio che ha dato vita alla tradizione delle dolci scarpette il 13 gennaio di ogni anno.

Nessun commento: