Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







venerdì 21 agosto 2015

Curiozitè Pramzàni... có vól dir “Va par Pampòggni” ??? TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO E IN ITALIANO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA DI PARMA DEL 21 AGOSTO 2015 NELLA RUBRICA. "Tgnèmmos vìsst".


NELLE FOTO: LA MELONTA LARVA DELLO SCARABEO (Pampòggna).
 LO SCARABEO LA " Pampòggna " ADULTA


TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO

Pronto...Ch'al scuza lu él còll dal djalètt?
Si Sjòra, ch' l' am dìgga pur;
ch' al scuza äd l'oräri,
e si, l'é sètt e trì äd la matén'na, mo ch'l' am dìgga pur.
A són adrè andär in ufìssi e con di mè coléga émma fat 'na scomìssa...Am pólol dir d' indò vén al mòd äd dir pramzàn “Va par Pampòggni”? Cära la mè sjòra agh' rispónd äd vlontéra vìsst che par savér co j én il “Pampòggni” agh' pól fär comincèr bén la giornäda äd lavor in cl' agòsst chì cäld bombén, dato che mì fortunatamént al probléma äd l'ufìssi a né gh'l'ò pu.
Al mòd äd dir pramzàn äd 'na vòlta “Va par Pampòggni”, ch' la sarìss po' la manéra pù eleganta d' un “vaffan” “o stà mìga rómpor”...dal gióron d' incó ch' l'é äd moda bombén, al vén dala “Pampòggna” ch' l'é al nòmm äd cla famija äd Scarabei nìgor con elitre e sànfi äd colór marón scur, che in-t-il siri äd magg' i vólon a stóron dintórna a j ärbor a bzjär fòrt. J én bestjolén'ni chì fan mäl bombén a l'agricoltura, parchè intànt che i lór bégh i vìvon sòt' téra par cuat'r an' a zgagnär e maltratär il ravìzi di gèls, dìll vìdi, ecc. in-t-al stät d' insét i ròzgon i butt o zarmój molzén e il fój dìll stési pjànti tant da färja morìr. 'Na vòlta i putén par zugär j andävon a scavär sòtta il vìdi o i gèls par catär i bégh di Scarabei, cioè andär par “Pampòggni” e cuand i stufävon, i genitór j à mandävon par “Pampòggni”. Ecco d' in dó vén còll mòd äd dìr pramzàn chì. Conténta Sjòra...bón lavór e Tgnèmmos vìsst

MELONTA
SCARABEO


TESTO IN ITALIANO

Pronto...Scusi lei è quello del dialetto?
Si Signora, mi dica;
mi scusi dell'orario,
e si sono le 7,45, ma dica pure.
Sto per entrare in ufficio e con dei miei colleghi abbiamo fatto una scommessa...Mi può dire da dove deriva il modo di dire parmigiano “Va par Pampòggni”?. Cara la mia signora le rispondo molto volentieri visto che se per sapere cosa sono le “Pampòggni” le può essere di buon auspicio per cominciare una nuova giornata di lavoro in questo agosto torrido, e fortunatamente il problema dell'ufficio io non l'ho più.

Il modo di dire parmigiano di una volta “Va par Pampòggni”, che sarebbe l'equivalente più elegante di un “vaffan” “o non rompere”...del giorno d'oggi che è molto di moda, deriva dalla “Pampòggna” che è il nome di quella famiglia di Scarabei neri con elitre e zampe di colore bruno rossastro, che nelle sere di maggio volano a storni in torno agli alberi ronzando forte. Sono insetti che nuociono all'agricoltura, perchè mentre le loro larve vivono sottoterra quattro anni rodendo e maltrattando le radici dei gelsi, delle viti, ecc. nello stato di insetti rodono i teneri germogli e le foglie delle stesse piante tanto da farle perire. Un tempo i bambini per gioco andavano a scavare sotto le viti o i gelsi per trovare le larve degli scarabei, cioè andare per “Pampogne”, e quando stancavano, i genitori li mandavano pe “Pampogne”. Ecco da dove deriva questo modo di dire parmigiano. Contenta Signora... buon lavoro

Nessun commento: