Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 26 giugno 2010

Bene la prima serata di "Spéta ch'a m' mètt a djéta" davanti a 300 persone al Parco Verde Orzi di Baganza


(Per ingrandire clicca sulle foto)
(Testo blu in Italiano)
Nel Parco verde Orzi di Baganza nel quartiere Molinetto, si è svolta la prima delle sei serate organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, dal titolo “Spéta ch'a m' mètt a djéta” . Protagonista il, gruppo G.I.D. gruppo interassociativo per il dialetto, composto da Famìa Pramzana, Parma Nostra, Parmaindialetto, Parma Musicale, Circolo Pertini e Circolo Guareschi, e come protagonisti da Anna Maria Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri Giorgio Capelli, Maurizio Landi, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Claudio Cavazzini e Ermes Ghirardi. Nello spettacolo sono state individuate alcune poesie, testi, canzoni, battute, tutte in dialetto Parmigiano, che tessono le lodi delle nostre specialità, ed altre che invece cercano di convincere ad intraprendere una seria dieta, nelle quali risalta sia la condizione di depressione di chi si deve privare di tanta bontà sia spinge a moti di ribellione che portano, chi è messo a “ stecchetto”, verso una sorta di liberazione.Seconda serata, martedi 29 luglio nel quartiere Golese a Baganzola in piazza Luigi Salvarani.
Bén bombén la prìmma seräda äd Spéta ch'a m' mètt a djéta



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
In-t-al Pärch vérd Orzi äd Bagansa in-t-al cuartér Molinètt, gh’é stè la prìmma dil séz serädi organizädi da l’Asesorät ala Cultura dal Cmón ädi Pärma, dal titol “Spéta ch'a m' mètt a djéta” . Protagonista al, grupp G.I.D. grupp interasociatìv p’r al djalètt, compost da Famìa Pramzana, Parma Nostra, Parmaindialetto, Parma Musicale, Circolo Pertini e Circolo Guareschi, e cme protagonìssta da Anna Maria Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Giorgio Capelli, Maurizio Landi, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Claudio Cavazzini e Ermes Ghirardi. In-t-al spetacol è stè individuè socuànt poezii, tést, cansón, batudi, tùtti in djalètt Pramzàn, chì mètton insèmma il lòdi dil nostri specialitè, e ätri che invéci i sércon äd convìnciort a intrapréndor ‘na sérja dieta, in-t-i cuäi rizälta sia la condisjón äd depresjón äd chi s’a da privär äd tanta bontè e a dil manéri äd ribeljón chi pòrton, còj che è mìss a “ stechètt”, vèrs ‘na sòrta äd liberasjón .Seconda seräda, martedi 29 lujj in-t-al cuartér Goléz a Bagansóla in pjàsa
Luigi Salvarani.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzan dal sas)

Nessun commento: