Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







giovedì 9 marzo 2017

L’Associazione FIAB-PARMA BICINSIEME e il Circolo “G. DELEDDA”, aderenti al Forum delle Associazioni Culturali di Parma, vi invitano all’iniziativa:

Domenica 12 marzo                                                                         


L’Associazione  FIAB-PARMA BICINSIEME e il Circolo “G. DELEDDA”, aderenti al Forum delle Associazioni Culturali di Parma,  vi invitano all’iniziativa:   
             "...dalla Sardegna alle Terre del fiume Po...in bici alla scoperta di Grazia Deledda padana...."    
Nel 1927 G. Deledda ricevette il Premio Nobel per la Letteratura, unica donna italiana, nel 90° del Nobel percorrendo argini del Po, paesi e luoghi a lei cari vogliamo ricordarla e renderle un piccolo omaggio.
Programma della giornata : In bici a Cicognara
Ritrovo ore 8.45, Sede Bicinsieme Via Bizzozero 15, presentazione della giornata. 
Partenza ore 9.15
Percorso andata : Frassinara-Coenzo (18 km)-Brescello -Viadana-Cicognara (35 Km).
Sosta a Coenzo dove un capogita riporterà a Parma chi non può stare via tutta la giornata.
Arrivo a Cicognara verso le 11.30.
Sosta presso Co’ de Bruni, casa dove dimorava Grazia Deledda a Cicognara.     
Pranzo a Roncadello Trattoria "La Ruota" ore  12.30 (vedere info sotto)
Ritorno con partenza verso le 14 via ponte di Casalmaggiore, sosta presso il cippo dei caduti partigiani, poi Colorno, Parma. arrivo verso le 17.
Durante il percorso verranno fatte alcune letture tratte dagli scritti di Grazia Deledda
N° 1 NEL MULINO.  Lettera a Caterina
N° 2 Da “L’ombra del passato”. Lettera ad Antenore
N°  3  Ponte sul PO presso il Cippo di Cherchi, Bedeschi, Benoldi
NB. Alla Trattoria “LA RUOTA”  di Roncadello è possibile mangiare con costo di circa € 15 (1° o 2°, dolce bevanda), € 20 (1°, 2° dolce, bevanda). Prenotazioni venerdì sera/sabato mattina.  Info 339-8123784; 339-8176 136; 335-5847320 
Viene spontaneo associare G. Deledda ai grandi romanzi sardi, Canne al vento, Elias Portolu, Marianna Sirca..., eppure esiste una notevole mole di scritti che ci fanno scoprire G. Deledda "padana", in particolare legata al paesaggio, alle atmosfere intorno al grande fiume e ai paesi della famiglia del marito, Palmiro Madesani.
Grazia sposò Madesani, segretario dell'Intendenza di Finanza, nel 1900 a Cagliari e da allora fino a qualche anno prima della morte arrivava ogni settembre a Cicognara, dopo aver passato i mesi estivi nei primi anni a Viareggio e quindi nella sua casa di Cervia.
Roncadello, Cicognara, la casa di Co' de Bruni dei cugini di Palmiro, i Tagliavini-Morini, uomini e donne di quei luoghi che diventano protagonisti di romanzi come L'ombra del passato, Nostalgie, Annalena Bilsini,  e di struggenti novelle come Nel Mulino...
Grazia con Palmiro e i figli Franz e Sardus arrivavano a Casalmaggiore e  da lì, in carrozza con Antenore Tagliavini proseguivano lungo l'argine del fiume verso Fossacaprara, Roncadello e Cicognara fino alla casa di Co' de Bruni che li accoglieva ospitale.
Così Wanda Tagliavini ricorda lei e le cugine che nei pomeriggi assolati giocavano intorno alla casa e i rimproveri delle donne "....tasì che Grasia l'à scriv.."
Ebbene Grazia Deledda aveva stabilito un legame profondo e intenso, una nostalgia struggente anche per queste terre. Scrive in una lettera a una cugina: "...leggendo (la tua lettera) mi è parso ancora di respirare con te le aure del nostro bel Po, del nostro argine" (Roma Pasqua 1921).
Nel 1927 G. Deledda ricevette il Premio Nobel per la Letteratura, unica donna italiana,
e oggi noi percorrendo argini del Po, paesi e luoghi a lei cari vogliamo ricordarla e renderle un piccolo omaggio.  
***********************  
 Ai piedi del ponte di Casalmaggiore, ricordo dei partigiani fucilati dai nazifascisti : Gavino Cherchi, Ines Bedeschi e Alceste Benoldi. 
Gavino Cherchi, sardo, un giovane di 33 anni, allora professore di Lettere al liceo Romagnosi di Parma, dove era entrato in contatto con la Resistenza. Dopo l'8 settembre fu tra i fondatori del Cln in Emilia e poi responsabile del Servizio informazioni partigiane (Sip) con il nome di battaglia Stella. Tradito da un compagno di cui si fidava fu arrestato insieme ad altri due suoi collaboratori, Ines Bedeschi di Conselice e Alceste Benoldi di Parma. I tre partigiani, dopo essere lungamente torturati dai nazisti vennero assassinati con un colpo alla nuca e gettati nelle acque del Po in località Mezzano la sera del 28 marzo del 1945: il fiume non restituì mai i loro corpi, per questo là dove si suppone siano stati uccisi, è stato eletto un cippo che riporta i loro nomi.
 
Capigita: Elisabetta  M, Andrea C., Cristina e Andrea (3398123784)
In caso di maltempo, la gita è rinviata ad altra data.
Registrazione:  1 euro soci FIAB (ass.ne infortuni)  3 euro non soci (ass.ne infortuni e RC) bici in ordine, camera d'aria di scorta, casco consigliato
LA FIAB NON E' UN'AGENZIA DI VIAGGI , quindi tutti i partecipanti sono chiamati a contribuire alla buona riuscita della gita rispettando le regole del Codice della strada e le indicazioni del capogita.
Chi abbandona il gruppo deve avvisare il capogita, le coperture assicurative non saranno più valide. 
 


Nessun commento: